Feto morto all'ottavo mese: due medici indagati

E' accaduto all'ospedale di Carate, in uno dei reparti maternità migliori d'Italia.

L'ospedale di Carate

CARATE BRIANZA - Due medici indagati all'ospedale di Carate dopo che una donna bulgara di 38 anni ha perso la figlia all'ottavo mese di gravidanza. Secondo quanto appreso dal Corriere della Sera, la procura di Monza ha iscritto i due ginecologi nel registro degli indagati: un atto dovuto per chiarire eventuali responsabilità, in uno dei reparti maternità migliori d'Italia. 

CLASSIFICA AGENAS: CARATE MIGLIOR OSPEDALE PER PARTORIRE

Tutto comincia a febbraio, quando l'ecografia evidenzia problemi al nascituro: la presenza di "un'unica arteria ombelicale" e una posizione del feto "sfavorevole". Una gravidanza a rischio, secondo un'amica ginecologa connazionale della coppia. Ma i dottori brianzoli avrebbero minimizzato. La situazione è precipitata alla fine di maggio, con la morte del feto.  Ora i genitori vogliono vederci chiaro.  La direzione sanitaria dell'ospedale ha dichiarato di rimettersi all'operato della magistratura, che ha disposto l'autopsia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Pitbull azzanna padrone ai genitali, 40enne uccide il suo cane per salvarsi

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

Torna su
MonzaToday è in caricamento