Cronaca Limbiate

Una fiaccolata per Marinella, la setterina uccisa annegata nel Villoresi

La Lega per la Difesa del Cane aveva sporto denuncia contro ignoti e invitato chiunque a fornire informazioni utili alle indagini: per sabato 27 giugno a Limbiate è in programma una fiaccolata

Sabato 27 giugno a Limbiate si accenderanno tante piccole luci in memoria di Marinella, la cagnolina uccisa annegata con una pietra legata intorno al collo nel canale Villoresi.

La setterina, ritrovata senza vita a Palazzolo Milanese e recuperata dai sommozzatori dei vigili del fuoco qualche settimana fa dopo un avvistamento, è stata ribattezzata così in omaggio alla "Canzone di Marinella" di De Andrè dove la protagonista "scivolò nel fiume a primavera".

La setterina però non è caduta in acqua m,a è stata annegata da una o più mani crudeli a cui le indagini delle forze dell'ordine stanno tentando di dare un nome e un volto. La Lega Nazionale per la Difesa del Cane che già aveva sporto denuncia contro ignoti per l'accaduto e rivolto un appello a chiunque abbia qualche informazione utile per ricostruire l'accaduto, ha organizzato una fiaccolata "per la setterina uccisa senza pietà". 

"Marinella è stata presa, le è stato legato un masso al collo ed è stata buttata in un canale a morire. Un gesto efferato compiuto da una persona senza scrupoli, che con tutta probabilità sarebbe capace di fare lo stesso con un essere umano, considerando anche gli studi dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che affermano che la violenza sugli animali può essere predittiva di una sociopatia che può portare anche alla violenza sulle persone" si legge nella nota diffusa dalla Associazione.

“Un ennesimo atto di crudeltà e ferocia nei confronti di un essere indifeso che non può cadere nel dimenticatoio”, aggiunge Piera Rosati, presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

La fiaccolata è stata organizzata per manifestare contro ogni forma di violenza sugli animali e ricordare la povera Marinella. Il corteo sarà silenzioso, senza slogan o proclami. A parlare saranno solo le luci delle fiaccole, bianche e luminose come l’anima della vittima di questo orribile atto criminoso e di tutti gli altri episodi di violenza su chi è più indifeso.

L’appuntamento è per sabato 27 giugno, alle ore 20, in Via Tolstoj a Limbiate. I partecipanti dovranno munirsi di fiaccola o lumicino e potranno portare bandiere o striscioni, ricordando però la natura non violenta della manifestazione.

“La fiaccolata avverrà in contemporanea a quella organizzata in Puglia per ricordare Anna e Frank, unendo simbolicamente il nord e il sud Italia, perché la crudeltà non ha latitudine”, conclude Piera Rosati.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una fiaccolata per Marinella, la setterina uccisa annegata nel Villoresi

MonzaToday è in caricamento