menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
IMMAGINE DI REPERTORIO

IMMAGINE DI REPERTORIO

Si schiantano, abbandonano l'auto poi fingono il furto: due denunce in Brianza

In entrambi i casi al volante delle vetture c'era il proprietario

Sono usciti fuori strada con le loro auto, hanno abbandonato le vetture in mezzo alla strada e poi si sono presentati in caserma per denunciare il furt dei veicoli ormai distrutti. La trovata però è costata una denuncia a due uomini residenti in Brianza.

Un giovane studente di origine messicana di 24 anni e un brasiliano 34enne residente a Casatenovo sono stati indagati per il reato di simulazione dai militari della compagnia di Vimercate. A scoprire il raggiro infatti sono stati i carabinieri della stazione di Bernareggio dove lo scorso 6 maggio il 24enne si era presentato per denunciare il furto della sua autovettura Citroen Saxo. Al volante della macchina uscita fuori strada a Carnate alle 3.30 della notte, in via Barassi, e abbandonata sulla carreggiata, c'era lo stesso proprietario che si era messo al volante nonostante gli fosse stata sospesa la patente lo scorso dicembre per guida in stato di ebbrezza. Dopo che i carabinieri hanno trovato la sua autovettura, il 24enne in fretta ha inventato una storia per evitare di essere coinvolto nell'accaduto. Ma ila storia fin da subito non ha convinto le forze dell'ordine.

Con lo stesso, inverosimile, racconto si era presentato in caserma anche un uomo di origine brasiliana che nella notte dell'1 maggio aveva perso il controllo della sua Fiat Punto in via Brigatti a Ronco Briantino, probabilmente in stato di alterazione psicofisica. La vettura era finita contro una recinzione e poi era stata abbandonata in strada dove, poco dopo, era stata rinvenuta da un equipaggio dell'Arma. Per entrambi è scattata una denuncia per simulazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento