menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fra Celestino Pagani (Frame da Youtube)

Fra Celestino Pagani (Frame da Youtube)

Fra Celestino Pagani, il frate che parla di Dio attraverso le canzoni

Fra Celestino è il responsabile della mensa dei poveri del Santuario delle Grazie Vecchie di Monza. Un passato come falegname, poi la chiamata di Dio. Sempre accompagnato dalla passione per il canto e il musical: le sue interpretazioni canore impazzano in rete

Volto solare, voce allegra, un sorriso e una parola buona per tutti. Ma soprattutto una voce intensa che ha conquistato la rete. Perché Fra Celestino Pagani, 48 anni, frate francescano del Santuario delle Grazie Vecchie di Monza è (anche) una star del web.
Sulla sua pagina youtube, l'interpretazione della canzone “La mia preghiera elevo a te” ha già ricevuto molti like e tante condivisioni, diventando balsamo per lo spirito di chi, soprattutto in questi ultimi mesi, ha vissuto pesantemente il dramma della pandemia.

Una storia carica di fede e di amore per il prossimo, oltre che per il mondo dello spettacolo, facendo conoscere e apprezzare Fra Celestino, non solo per il suo operato all’interno della mensa dei poveri, ma anche per la sua ugola.

Fra Celestino, originario di Sant’Angelo Lodigiano, ha una cosiddetta vocazione tardiva,  anche se è cresciuto in oratorio ed era un  punto di riferimento per le attività della sua parrocchia. “Era il 21 novembre 2003 quando, durante una trasferta ad Assisi ho sentito la chiamata del Signore – racconta -. Durante la Messa la chiamata, una voce che mi diceva “Molla tutto, ho bisogno di te””.

Mica facile mollare tutto dall’oggi al domani: Celestino lavorava come falegname, aveva una fidanzata e fino a quel momento non pensava proprio a indossare il saio. Nel suo futuro vedeva la costruzione della famiglia, i figli, i familiari e il lavoro. Ma la chiamata di Dio è stata più forte. Sempre in mezzo alla gente, ai bisogni di chi vive situazioni di  difficoltà, alla ricerca di soluzioni pratiche, ma soprattutto con la voglia di testimoniare il Vangelo anche attraverso il canto e il sorriso.

“Un anno prima della chiamata mi ero avvicinato al mondo dello spettacolo – prosegue -. Ho partecipato a un corso di musical, portando poi in scena lo spettacolo Aggiungi un posto a tavola. Poi l’allestimento per la parrocchia di quattro commedie teatrali”.

La vita religiosa non lo ha comunque fatto dimenticare l’amore giovanile per il palcoscenico, e due anni fa Fra Celestino all’Antoniano di Bologna ha inciso una canzone “Parola magica”, e questa estate il video “La mia preghiera”.  Era già tutto pronto per portare in scena anche il musical dedicato alla vita di San Francesco d’Assisi, ma l’emergenza sanitaria ha fatto slittare l’evento.

Ma Fra Celestino non  si scoraggia e guarda al futuro con speranza, inviando un messaggio ai brianzoli: “L’augurio è che il canto espresso dagli angeli nella notte di Natale sia un canto di gioia che rompa il muro della tristezza e dell’angoscia che in questo momento stiamo vivendo, e che riesca a portarci nella visione di un futuro di speranza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento