Sirene delle ambulanze e soccorritori: l'ultimo saluto a Paolo, il medico ucciso da un'auto

I funerali si sono svolti nel pomeriggio di mercoledì nella parrocchia di San Giacomo di Meda

Il funerale (foto da Croce bianca di Seveso)

Una schiera di ambulanze. Poi le divise, quelle dei suoi colleghi, dei suoi amici. Divise che hanno accompagnato la sua vita e che non potevano mancare per l'ultimo saluto. Tutto il mondo del soccorso si è riunito nel pomeriggio di mercoledì 10 luglio nella parrocchia di San Giacomo di Meda per il funerale di Paolo Galimberti, il dirigente di Areu travolto e ucciso da un'auto in via Melchiorre Gioia a Milano nel pomeriggio di venerdì 5 luglio.

Lacrime e commozione durante la funzione celebrata da Don Fabio Ercoli. All'uscita del feretro le ambulanze schierate sul parcheggio davanti alla chiesa lo hanno salutato accendendo le sirene.

L'incidente che ha strappato la vita a Paolo Galimberti

Tutto era accaduto venerdì 5 luglio poco prima delle 13 proprio davanti a Palazzo Lombardia mentre attraversava la strada in prossimità delle strisce pedonali. Paolo Galimberti era stato falciato da un monovolume che stava andando verso il centro della città

Le sue condizioni erano subito apparse gravissime, era stato portato in coma, in codice rosso, all'ospedale Niguarda, dove purtroppo è spirato poche ore dopo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in tangenziale Est, schianto tra due auto e un camion: due morti e due feriti

  • Come eliminare i pesciolini argentati dalle nostre case

  • Paura al mercato di Macherio, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Incidente in tangenziale tra auto, furgone e tir: uomo e donna sbalzati sull'asfalto, morti

  • Alle porte della Brianza apre un nuovo supermercato

  • Perde il controllo dell'auto in Valassina, si schianta contro il guard rail e si ribalta

Torna su
MonzaToday è in caricamento