Brugherio, furti in appartamento: recuperata refurtiva per 14 milioni di euro

I ladri agivano con un'abilità così sorprendente che in molti casi le vittime di furti avevano riferito ai carabinieri di aver dimenticato la porta aperta .

Un "tavolo da lavoro" utilizzato per studiare le serrature

BRUGHERIO - Si esercitavano in casa ad aprire serrature collocando i modelli da studiare su tavoli  "da lavoro" e organizzando vere e proprie lezioni di gruppo. Un training estenuante, che li portava ad essere in grado di aprire praticamente ogni tipo di chiusura. Così formati, poi, si dividevano ai quattro venti e svaligiavano case e appartamenti  nel tra il Piemonte e la Lombardia senza lasciare traccia: un'abilità così sorprendente che in molti casi le vittime di furti avevano riferito ai carabinieri di aver dimenticato la porta aperta .

Una banda formata da 10 georgiani e un ucraino è finita in manette nei giorni scorsi nell'ambito dell'operazione Odessa condotta dai carabinieri del Reparto Operativo di Novara; i fermi, convalidati ieri, sono gli ultimi di un'attività contro i furti in abitazione cominciata nel 2013 e che nel complesso ha portato in carcere 164 persone. Le accuse vanno dal furto in abitazione alla ricettazione al possesso di strumenti atti allo scasso e documenti falsi. Si sospettano legami con la mafia russa.

Erano cinque i covi della banda, dislocati su Milano, Brugherio, Sesto San Giovanni e Cormano.  La gang si avvaleva anche dell'appoggio di alcune badanti, che fornivano supporto logistico e informazioni sulle case da svaligiare. L'irruzione in uno degli appartamenti è scattata dopo una lunga attività di indagine: sono stati i rumori di ferraglia prodotti nel corso delle "esercitazioni" a dare ai militari la conferma di non sbagliare. A quel punto è scattato il primo blitz. 

I militari piemontesi hanno recuperato  refurtiva per 14 milioni di euro a partire dal 2010.  La fase finale, l'operazione Odessa, ha portato in carcere 36 persone. Gli oggetti sequestrati sono stati riconosciuti e restituiti, in 251 casi, ai legittimi proprietari vittime di furti commessi, oltre che nella provincia di Novara (per 104 furti), nelle altre province limitrofe del Piemonte (4 a Torino, 2 ad Asti, 6 a Vercelli, 2 a Cuneo, 2 a Biella ed 1 a Verbania) e della Lombardia (106 a Milano, 9 a Monza, 5 a Pavia, 3 a Varese, 1 a Lodi, Como e Bergamo), oltre che del Veneto e Friuli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento