Cronaca

Allarme criminalità, un imprenditore su tre ha subito un furto

Di fronte al dilagare dei reati predatori in tanti corrono ai ripari: il 64,8% ha installato un impianto di videosorveglianza e il 7,7% ha comprato un cane da guardia

C’è chi chiede maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, chi vorrebbe più vigili di quartiere e altri, il 19% sul totale, che desiderano la liberalizzazione dell’acquisto e dell’uso delle armi per la sicurezza personale.

Unico il problema, l’aumento della microcriminalità, e tanti i modi di affrontarlo, dalla recluta di personale di sorveglianza esterno all’installazione di un pianto di illuminazione più potente fuori dall’azienda.

Nell’ultimo anno infatti, secondo i dati illustrati dalla Camera di Commercio nell’indagine “Imprese e illegalità”, che ha interpellato 400 imprenditori lombardi, un imprenditore su tre ha subito un furto in azienda o in casa. Dati allarmanti che rivelano quanto gli episodi di reati predatori siano aumentati sul territorio, in concomitanza con l’acuirsi della crisi.

Il 18,5% ha riferito di essere stato derubato presso la propria abitazione mentre il 12% ha subito un furto di materiali di produzione e tra questi i più colpiti sono stati gli imprenditori dell’edilizia e del commercio. Per far fronte al problema tra le soluzioni adottate dalle vittime dei furti al primo posto c’è l’installazione di un impianto di videosorveglianza (64,8%) mentre il 7,7% ha scelto di comprarsi il cane da guardia.

La richiesta che si leva a gran voce dalla categoria, come ha fotografato l’indagine della Camera di Commercio, è l’aumento delle risorse delle Forze dell’Ordine (62,5%) mentre un imprenditore lombardo su cinque si è detto favorevole all’uso delle armi per autodifesa e il 16,2% si affida ai gruppi di controllo di volontari che stanno prendendo sempre più piede anche in Brianza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme criminalità, un imprenditore su tre ha subito un furto

MonzaToday è in caricamento