Furti e rapine ai Tir, sgominata banda di malviventi

Sette ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite tra le province di Monza, Bergamo e Lodi: la banda è stata smantellata grazie alle indagini del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Monza

I colpi venivano messi a segno ai danni di Tir

Sono sette in totale le ordinanze di custodia cautelare a cui i carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monza hanno dato esecuzione martedì nell'ambito dell'operazione denominata "Scania".

E' stata sgominata grazie a un attento lavoro di indagine una banda di malviventi dedita ai furti ai danni di Tir. I responsabili del reato, tutti calabresi e un bergamasco, sono residenti in diverse province lombarde e sono finiti in arresto nelle carceri di Bergamo e Monza.

Ai membri del gruppo vengono contestati vari reati, dal furto aggravato al porto d'armi abusivo fino alla rapina a mano armata e al sequestro di persona.

Dalle indagini partite lo scorso aprile in seguito al ritrovamento in un capannone di Vaprio d'Adda di un automezzo pesante carico di generi alimentari rapinato a Paderno Dugnano alcuni giorni prima risultano almeno quattro colpi imputabili alla banda.

I rapinatori hanno colpito il 17 gennaio a Paderno Dugnano, hanno fallito l’8 maggio a Dovera in provincia di Lodi dove la tentata rapina in realtà non si è consumata, il 12 maggio a Lodi invece l'agguato è stato teso a un trasporto di profumi per un valore complessivo di 230mila euro. I colpi poi sono proseguiti con una rapina il 29 maggio a Crosio di Chignolo Po in provincia di Pavia dove i ladri hanno derubato un Tir che trasportava un carico di giubbotti “Moncler”, per un valore di 800 mila euro.

Per risalire alla banda ai carabinieri è bastato effettuare dei controlli sulla proprietà del capannone di Vaprio dove l'autoarticolato carico di merce rubata era stato trovato: le carte hanno condotto gli investigatori dritti a un pregiudicato bergamasco con precedenti specifici per rapine ad autotrasportatori e possesso di armi. 

A dare una svolta alle indagini e incastrare tutti i componenti della banda è stato il tentativo di vendita a metà giugno a un gruppo di acquirenti napoletani dei giubbotti rubati in data 29 maggio: i carabinieri hanno avuto la prova del reato e hanno disposto il fermo per alcuni componenti del gruppo criminale già in quella circostanza.

Tra gli arrestati due dei sette criminali finiti in manette sono residenti in Brianza: un brugherese dichiarato in stato di fermo gravemente indiziato della rapina avvenuta il 29 maggio e del porto abusivo delle pistole e di autovetture di provenienza furtiva e un uomo residente a Macherio ma originario di Vibo Valentia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento