Fanno due fori al bancomat della Posta e portano via 36mila euro

La rapina

Nessuna esplosione e nessun boato nella notte. I ladri entrati in azione a Monza nella notte tra mercoledì e giovedì hanno giocato d'astuzia.

Sono bastati due fori per far sparire dalla cassa dello sportello di prelievo automatico della Posta di via Monte Santo, a San Rocco, oltre 36mila euro.

Un furto silenzioso e discreto ma dall'ingente bottino. Ad accorgersi che il denaro era sparito è stata la direttrice dell'ufficio che giovedì mattina, intorno alle 8, ha notato i due buchi. I tecnici dell'azienda addetta alla manutenzione del servizio non ci hanno messo molto a capire che cosa era accaduto e sul posto è arrivata la polizia di Stato.

Gli agenti del commissariato di viale Romagna hanno fatto intervenire anche la polizia scientifica per i rilievi e hanno avviato le indagini. I due fori sono grossi all'incirca quanto un pugno: i ladri potrebbero aver rubato il denaro inserendo una mano nella cassa oppure avvalendosi del supporto di un aspiratore.

L'unica certezza al momento riguarda il bottino con 36mila euro spariti nel nulla: questa la cifra che il contatore elettronico del dispositivo ha registrato durante l'ultimo conteggio delle banconote effettuato intorno alla 1 della notte.

In corso le indagini della polizia che ora sta esaminando anche le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza dell'area.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento