Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Hanno sottratto dal caveau dell'azienda 500mila euro: cinque guardie giurate nei guai

Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dai carabinieri di Sondrio e Monza. L'istituto di vigilanza è lo stesso che subì un'agguato a un portavalori sull'autostrada A/9

Avrebbero dovuto vigilare e accertarsi che i soldi fossero al sicuro ma sono accusati di aver sottratto 500mila euro dai caveau dell’azienda per cui prestavano servizio.

Si preannunciano guai seri per le cinque guardie giurate di Monza e Brianza (una residente a Dairago) finite nel mirino dei carabinieri di Sondrio e Monza.

L’accusa che pende su di loro è di furto: i colpi messi a segno sarebbero quattro, tutti eseguiti tra agosto e settembre 2013, nella sede di Paderno Dugnano dell’istituto di vigilanza Btv-Battistolli.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dai carabinieri a Limbiate, Lissone, Desio, Dairago e Paderno Dugnano.

A far scattare l’indagine era stata una segnalazione di ammanco da parte di una banca svizzera che doveva attuare il trasferimento della valuta alla Banca Popolare di Sondrio.

Da lì si è passati alle intercettazioni telefoniche e alle videoregistrazioni di quanto accadeva nella sede.

Nelle abitazioni delle cinque guardie giurate accusate nell’ambito dell’inchiesta sono stati trovati circa 50mila euro in contanti, gioielli e orologi per un valore stimato oltre i 70mila euro.

L’istituto di vigilanza finito nell’inchiesta è lo stesso che fu vittima di una rapina a un furgone portavalori nell’aprile 2013 lungo l’autostrada A/9.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hanno sottratto dal caveau dell'azienda 500mila euro: cinque guardie giurate nei guai

MonzaToday è in caricamento