Rubano rame dalle ferrovie ma vengono 'beccati' mentre lo rivendono in Brianza

I poliziotti hanno sequestrato due tonnellate circa di cavi di rame e l'azienda che aveva accettato il materiale rubato. Tre arresti

Il materiale sequestrato

Tre cittadini bulgari sono stati arrestati dal personale del Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Lombardia per il furto di circa due tonnellate di rame. Il trio è stato fermato durante la notte tra giovedì 9 e venerdì 10 ma la notizia è stata diffusa solo martedì 14. Sono stati denunciati per ricettazione i due titolari, cittadini italiani, di un centro di raccolta di rifiuti ferrosi, con sede in Brianza.

L’attività è partita da una serie di appostamenti fatti dagli agenti in borghese della polfer, fuori alcune ditte che avevano denunciato diversi furti di rame, dedicato alla linea alta velocità Milano-Venezia, all’interno dei propri cantieri nel bresciano. Durante uno degli appostamenti notturni, i poliziotti hanno notato un’autovettura aggirarsi in modo sospetto nei pressi della massicciata ferroviaria, come ad effettuare un sopralluogo nel tratto ferroviario dove erano stati posati i cavi di rame dalla ditta realizzatrice dei lavori. A bordo dell’autovettura è stato individuato un gruppo di bulgari - noti per precedenti analoghi - per cui gli agenti hanno deciso di seguirne i movimenti.

Durante l’attività di pedinamento, il personale della polfer ha intercettato un furgone - poi rivelatosi rubato - con a bordo i malviventi, uscire da un’azienda di Garlasco (Pv) e sostare nei pressi della sede ferroviaria. Poco dopo lo stesso furgone si è messo in movimento in direzione di Milano, seguito a distanza dagli agenti che non lo hanno mai perso di vista, per fermarsi nei pressi di un rottamaio in Brianza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo punto l’autista del furgone è sceso dal mezzo e si è avvicinato al cancello, intrattenendo una conversazione con uno dei titolari del rottamaio che, dopo aver visionato i cavi di rame contenuti all’interno del furgone, ha aperto il cancello automatico, facendo cenno al malvivente di entrare all’interno. I poliziotti quindi sono intervenuti e hanno arrestato i tre ladri di rame. Gli stranieri, tutti in Italia senza fissa dimora, sono attualmente rinchiusi nel carcere di San Vittore. Hanno trenta, trentasette e quarantuno anni. Gli agenti della polfer, a seguito dell’attività, hanno sequestrato due tonnellate circa di cavi di rame a uso industriale, anche delle ferrovie, e l’azienda che aveva accettato il materiale rubato, i cui due titolari sono stati denunciati per ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Coronavirus, impennata di contagi in un giorno in Brianza: i numeri a Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento