Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Tragedia sul Monte Rosa, brianzolo travolto da una scarica di sassi: morto Giovanni Menin

È successo nel pomeriggio di martedì 28 agosto: inutili le operazioni di soccorso

Un alpinista brianzolo di 63 anni, Giovanni Menin, è morto nella giornata di martedì 28 agosto sul massiccio del Monte Rosa dopo essere stato travolto da una scarica di sassi. L'incidente è avvenuto intorno alle 13 mentre l'uomo, insieme a una coppia di amici, si trovava nei pressi della via normale alla Punta Giordani, a 3.600 metri.

Secondo una prima ricostruzione il terzetto è stato sfiorato da una prima scarica di sassi e, spaventati, hanno deciso di allontanarsi dall'itinerario principale. Arrivati a 3.600 metri di quota gli alpinisti sono stati travolti da una seconda scarica che ha ucciso Giovanni Menin e ferito alla caviglia l'amica. Illeso, invece, il marito. Sono subito scattati i soccorsi, ma per il 63enne — residente a Monza — è stato tutto inutile: le operazioni di recupero del corpo, inoltre, sono state particolarmente complicate a causa dei continui distacchi di rocce dalla parete.

Da alcuni giorni sono frequenti le scariche di sassi sulle Alpi a causa del caldo in quota. Nella notte tra domenica e lunedì 27 agosto due scalatori — uno di Firenze e uno di Milano — sono stati feriti sulla cresta del Brouillard mentre erano diretti verso la vetta del Monte Bianco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia sul Monte Rosa, brianzolo travolto da una scarica di sassi: morto Giovanni Menin

MonzaToday è in caricamento