menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un setter ( foto d'archivio)

Un setter ( foto d'archivio)

Maltrattava pure il suo cane: 53enne denunciato per abbandono

Il setter irlandese di dieci anni era ridotto così male che non riusciva più ad abbaiare. All'arrivo dei vigili, ha cercato di dare l'allarme, ma è uscito solo un debole rantolo

GIUSSANO – Lei, lo considerava il suo «migliore amico». Stravedeva per il suo «papà» umano e lo inondava di quell’affetto che solo un cane sa dare. Lui, invece, la considerava un peso. Un «pacco» da scaricare in un angolo senza prendersene cura.

E’ finita che un uomo di 53 anni, residente a Giussano, è stato denunciato per maltrattamento e abbandono di animali. E Fiamma, un setter irlandese di 10 anni, denutrita e malconcia, è finita al canile di Monza, dove è stata sottoposta a una cura ricostituente.

La cagnetta era davvero ridotta male: denutrita, piena di pulci, negli ultimi tempi faceva fatica a camminare. Disidratata, anche a causa del caldo, non si reggeva più in piedi. Qualcuno ha segnalato il caso all’Ente per la protezione degli animali.

E così la polizia locale ha effettuato un sopralluogo a casa del 53enne. Quando gli uomini in divisa sono arrivati, Fiamma ha cercato di fare il suo dovere di cane da guardia. Non ce l’ha fatta: era così debole e assetata, che dalle fauci non le è uscito neppure un «bau», ma solo un debole rantolo.

Sul posto è arrivato anche un veterinario dell’Asl: dopo aver visitato l’animale, l’ha trovata in condizioni di salute pessime. Ne ha ordinato il sequestro con la disposizione di sottoporre la cagnetta a cure urgenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento