rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

I finanzieri confiscano oltre 1milione e 300mila euro a tre società brianzole

Gli imprenditori sono stati condannati dalla Corte di Appello di Milano per omessa presentazione della dichiarazione annuale delle imposte, frode fiscale, indebita compensazione delle somme dovute mediante crediti inesistenti.

Hanno evaso il fisco per oltre un milione e 300mila euro e adesso la Guardia di Finanza confisca denaro e altre disponibilità finanziarie ai tre imprenditori brianzoli condannati dalla Corte di Appello di Milano per omessa presentazione della dichiarazione annuale delle imposte, frode fiscale, indebita compensazione delle somme dovute mediante crediti inesistenti.

Dalle prime ore della mattina di giovedì 21 ottobre i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Seregno, su delega della Procura della Repubblica di Monza, stanno dando esecuzione a tre provvedimenti di confisca per equivalente di denaro e altre disponibilità finanziarie per un valore complessivo di 1milione e 300mila euro, disposti con sentenze del Tribunale di Monza e confermati dalla Corte di Appello di Milano, nei confronti di tre imprenditori brianzioli.

Le indagini condotte dalle Fiamme Gialle coinvolgerebbero imprese di Desio e Giussano specializzate nei settori della fabbricazione di apparecchiature per illuminazione, della gestione di apparecchi a moneta con vincite in denaro, e dello smaltimento di rifiuti.

Durante le indagini i finanzieri avrebbero scoperto che i tre imprenditori coinvolti si sarebbero resi responsabili di condotte prodromiche e strumentali all’evasione e frode fiscale, perpetrate attraverso l’occultamento di ricavi per oltre 1milione di euro, l’utilizzo di fatture false per circa 2milioni di euro, l’indebita compensazione, mediante crediti inesistenti per oltre 400mila euro di somme dovute all’Erario.

Al termine delle indagini, in ragione dei conseguenti approfondimenti patrimoniali eseguiti, i militari della Compagnia di Seregno hanno individuato i beni oggetto delle confische eseguite per equivalente fino alla concorrenza dei profitti dei reati ascritti. L’azione di servizio, svolta in stretta sinergia con la Procura della Repubblica di Monza, sotto la direzione ed il coordinamento del Comando Provinciale di Monza, testimonia l’impegno quotidianamente profuso dal Corpo, quale presidio della sicurezza economico-finanziaria, ai fini dell’individuazione delle grandi evasioni e delle frodi fiscali costituenti un grave ostacolo allo sviluppo economico del Paese e della conseguente aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati, per restituirli a beneficio della collettività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I finanzieri confiscano oltre 1milione e 300mila euro a tre società brianzole

MonzaToday è in caricamento