Immigrati: più donne e regolari, più Est Europa, alta scolarizzazione

Il rapporto sull'immigrazione a Monza e Brianza: in drastico calo la clandestinità. Molti vivono in case di proprietà e sono in Italia da più di 10 anni

La presentazione del rapporto (fonte Provincia Mb)

Sono 76mila gli stranieri presenti nella provincia di Monza e Brianza, con un drastico calo degli irregolari: erano circa 5.400 nel luglio 2012, contro gli oltre 11mila del 2006. In termini percentuali, gli irregolari erano il 23% nel 2006 e sono oggi il 7,1% delle presenze totali. E - dopo tanti anni - per la prima volta si registra nel 2012 una (lievissima) diminuzione delle presenze complessive. Sono alcuni dei numeri del rapporto annuale sui migranti in Brianza, prodotto con la fondazione Ismu e la regione e presentato mercoledì in provincia.

Crescono le donne, che sono ormai il 49,7% del totale contro il 33% circa nel 2006. E arriva dall'Est Europa il 41,7% del totale degli stranieri mentre la nazionalità più presente è quella romena (13mila presenze) seguita da quella marocchina (8.600 presenze). Poi l'Albania, l'Ecuador e l'Ucraina. I migranti moldavi e ucraini vivono prevalentemente da soli, gli albanesi primeggiano tra coloro che vivono in coppia con figli (72,4%) mentre i senegalesi si contraddistinguono per vivere presso parenti o conoscenti. Sette su dieci vivono in alloggi privati.

Alti i livelli di scolarità tra gli immigrati che abitano in Brianza: il 63,4% ha un diploma (contro la media regionale del 59,4%) e il 20% ha una laurea. La religione islamica rimane la più professata: si dichiara musulmano il 38,4% degli immigrati che abitano in Brianza, mentre i cattolici sono il 26,3%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le più alte percentuali di lavoro regolare si registrano per Ecuador (77%), Moldavia e Ucraina (70%), nazionalità legate spesso ai lavori di custodia (badanti e collaboratori domestici). Al lavoro di assistenza si dedicano in generale quattro donne su dieci. Tra gli uomini il lavoro più diffuso è quello di magazziniere e operaio generico (quasi due su dieci).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Rapina donna in metro, passante (brianzolo) lo insegue e lo blocca con un pugno in faccia

  • Tragedia in Croazia, uccide la moglie poi si suicida: la coppia era originaria di Monza

  • Coronavirus, due casi positivi all’asilo: tampone per tutti i bambini di due sezioni

  • Cesano Maderno, bimbo positivo al covid: tampone e "quarantena" per tutta la classe

  • Tragico schianto in moto a Bienno: muore motociclista brianzolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento