rotate-mobile
Cronaca

Ecco gli imprenditori furbetti che intascano i soldi del decreto rilancio senza i requisiti

Nei guai quattro società tra Milano e l'hinterland. Proseguono gli accertamenti della finanza

Avrebbero fatto i furbi: avrebbero chiesto gli aiuti pubblici del decreto rilancio pur non avendo tutte le carte in regola. L'epilogo? Quattro imprenditori denunciati per "indebita percezioni di erogazioni a danno dello stato" e 87mila euro sequestrati. È il risultato di un blitz messo a segno dai militari della guardia di finanza di Gorgonzola, nei guai quattro società con sedi a Milano, Pozzo d'Adda e Grezzago. 

Secondo l'accusa le società avrebbero chiesto e ottenuto i fondi del "decreto rilancio" per il mese di aprile. Più nel dettaglio le società avrebbero dichiarato di aver registrato un importante calo del fatturato, inferiore di due terzi rispetto a quello di aprile 2019. Per i finanzieri, tuttavia, sarebbe tutto falso dato che le attività sono state avviate solo nel mese di maggio 2019.

La Procura di Milano ha disposto un sequestro preventivo pari a 87mila euro: l'ammontare delle somme pubbliche che sarebbero state indebitamente conseguite; i finanzieri hanno quindi bloccato il corrispondente importo dei saldi attivi dei conti correnti intestati alle società.

L'indagine della Finanza

L'operazione, eseguita dalla Compagnia di Gorgonzola, è nata in seguito ai riscontri che sta effettuando su tutto il territorio provinciale la Guardia di Finanza milanese a seguito di approfondita analisi, con l'aiuto delle banche dati a disposizione, sulle persone che hanno beneficiato di finanziamenti pubblici erogati per l’emergenza da Covid-19, tra cui il contributo a fondo perduto previsto dal decreto legge di maggio, ideato per aiutare gli imprenditori in difficoltà economica per le ripercussioni prodotte dalla pandemia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco gli imprenditori furbetti che intascano i soldi del decreto rilancio senza i requisiti

MonzaToday è in caricamento