Paura a Sant'Albino, auto a fuoco in strada: forse un petardo

L'episodio venerdì sera fuori dal campo di calcio del centro sportivo di via Murri: si indaga sulle cause all'origine del rogo che ha interssato tre autovetture. La denuncia di un residente

Le vetture avvolte dalle fiamme (Foto da Fb, P. Ti)

Una partita di calcio, la tifoseria un po' troppo calda e il lancio di fumogeni e petardi e due auto a fuoco.

E' questo quanto successo, secondo la testimonianza di un residente, venerdì davanti al centro sportivo comunale di via Murri quando tre vetture sono state avvolte dalle fiamme. 

"Non si tratta di una guerra balcanica o di qualche bombardamento ma di uno dei consueti venerdì sera al campo sportivo comunale di via Murri a Sant'Albino" denuncia attraverso una lettera giunta in redazione a Monzatoday S. Villa, residente.

L'esatta dinamica di quanto accaduto è al vaglio delle forze dell'ordine che non escludono si sia trattato di un gesto doloso ma non si pronunciano ancora sulla eventuale responsabilità legata al lancio di petardi da parte delle tifoserie.

"Ogni venerdì sera, da alcune settimane, è la stessa storia: una partita di calcio o di calcetto è l'occasione per lo scontro tra tifoserie opposte, che fanno un baccano incredibile, lanciano botti e petardi e accendono fumogeni, che ammorbano l'aria del quartiere per ore e destano spavento e preoccupazione in quanti vivono attorno all'impianto sportivo comunale" racconta il residente.

La situazione però venerdì sera sarebbe sfuggita al controllo e le fiamme hanno completamente avvolto tre auto: prima una Range Rover Evoque, poi una Yaris e infine una Punto. Sul posto sono stati richiamati i carabinieri e i vigili del fuoco che hanno estinto l'incendio che ha carbonizzato le vetture. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I residenti però non hanno intenzione di mettere una pietra sopra l'accaduto e di fronte ai continui episodi che negli ultimi tempi hanno avuto come teatro il centro sportivo comunale annunciano la richiesta di provvedimenti nei confronti del gestore dell'impianto o ancora una serie "di misure che possano prevenire il ripetersi di simili situazioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento