menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I soccorsi sul posto la sera dell'incendio - Foto © B&V

I soccorsi sul posto la sera dell'incendio - Foto © B&V

Ruba la pensione al vicino e gli brucia la casa: arrestato

L'incendio a Cinisello a maggio 2019, un 57enne arrestato. Il complice era morto nel rogo

Aveva indirettamente ucciso il suo amico e aveva quasi fatto lo stesso con la sua vittima designata. Un uomo di 57 anni, un cittadino italiano pregiudicato e disoccupato, è stato arrestato giovedì mattina dai carabinieri di Cinisello Balsamo con le accuse di circonvenzione di incapace e tentato omicidio aggravato. Ci sarebbe la sua mano, stando a quanto accertato dagli investigatori e dagli inquirenti della procura di Monza, dietro l'incendio avvenuto il 23 maggio del 2019 nel condominio al civico 3 di viale Friuli. 

Quella sera ad andare a fuoco era stata la casa del 58enne Maurizio B., invalido al 100%. I primi a soccorrerlo erano stati proprio il 57enne adesso finito in manette - che abita nell'appartamento di fronte - e un suo amico, il 53enne Martino Iacino di Arcore, che era morto due giorni dopo al Niguarda a causa delle ustioni riportate. Inizialmente i carabinieri avevano pensato a un incendio scoppiato per caso e avevano creduto che i due fossero intervenuti per aiutare il proprietario dell'abitazione in fiamme. 

Le indagini hanno però poi permesso di accertato che ad appiccare le fiamme erano stati il 57enne e il complice poi deceduto. Scavando nel passato dell'arrestato, i militari hanno infatti scoperto che già dal 2016, l'uomo era riuscito a manipolare il vicino di casa convincendolo ad affidare a lui la gestione della propria pensione d’invalidità - 800 euro al mese - facendosi consegnare anche il Bancomat, in cambio dei pasti giornalieri. 

Quando il 58enne aveva detto no all'ennesima richiesta di soldi, l'arrestato - stando alle indagini - aveva deciso di dar fuoco alla porta di casa sua, come atto intimidatorio. I due complici si erano infatti incontrati in un bar di Arcore, si erano fermati ad un distributore lungo il tragitto per un rifornimento di 5 euro di benzina e a quel punto erano andati ad appiccare le fiamme a casa della vittima con la stessa benzina comprata poco prima. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Nuovo Dpcm Draghi fino a Pasqua: cosa cambia a Monza e in Lombardia

Attualità

A Monza e Brianza la curva dei ricoveri sale e il covid torna a far paura

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    "Tesoro ritorna!" Una dichiarazione d'amore appesa sul palo della luce

  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento