Incendio a Nova, l’avviso: “Non restare troppo tempo all’aperto”

Il timore è che dalle fiamme possano sprigionarsi sostanze nocive e tossiche. Il rogo, scoppiato alle sei di giovedì mattina, ha completamente distrutto un'azienda di Nova Milanese

Le fiamme a Nova

Dopo il disastro, è il momento della paura. Una grossa nube di fumo nero, causata dallo spaventoso incendio che giovedì mattina ha distrutto un’azienda di trasporti a Nova Milanese, sta “minacciando” tutta la bassa Brianza. E i comuni, per non farsi trovare impreparati, hanno già pubblicato sui propri canali ufficiali una serie di consigli per i cittadini. 

Il timore è che il rogo, che ha coinvolto anche una ditta che produce materiali plastici, possa sprigionare sostanze tossiche e nocive per l’uomo.

Il comune di Nova informa sul proprio sito che “al momento non dovrebbero esserci motivi di pericolo per la salute pubblica. Si stanno effettuando monitoraggi sulla qualità dell’aria, sia sul territorio del comune di Nova Milanese sia su quello di Varedo. Si raccomanda - continua l’avviso - di adottare semplici misure di cautela, come tenere chiuse le finestre e non recarsi nell’area interessata dall’incendio”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’amministrazione di Varedo. “A causa di un incendio divampato questa mattina a Nova Milanese e del fumo conseguente, si consiglia, a scopo precauzionale, di tenere chiuse le finestre delle abitazioni”, si legge sul sito del comune. 

In piazza Nazioni Unite a Varedo e nella piazza del comune di Nova Milanese verranno posizionate centraline per il controllo della qualità dell'aria.

Ancora più cauta la posizione del comune di Desio. “Al momento la direzione del vento dirige i fumi che si sono sprigionati dall’incendio, verso nord-ovest”, informa l’amministrazione. “Le Forze dell’Ordine e di Protezione Civile, impegnate nelle operazioni di gestione della viabilità alternativa e messa in sicurezza delle abitazioni vicine, consigliano ai cittadini, nel caso la nuvola di fumo si spostasse vicino alle loro abitazioni e dovessero sentire odori, di evitare la permanenza prolungata all’aperto, fino all’avvenuto dissolvimento della stessa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Ospedale di Vimercate "al collasso", NurSind: "Di notte solo 2 infermieri per 53 malati"

  • Dramma ad Agrate Brianza, trovato senza vita in un campo un uomo di 34 anni

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento