Incendio alla pizzeria Dida, indagato il gestore del locale

Alcuni testimoni avrebbero visto l'egiziano allontanarsi dal locale in fiamme. Rinvenute due bottiglie di liquido infiammabile

La pizzeria dopo il rogo (Foto Bennati/MonzaToday)

Due bottiglie di liquido infiammabile rinvenute all'interno del locale, la porta della pizzeria lasciata aperta con le chiavi ancora inserite nella toppa e un uomo sospetto in fuga notato allontanarsi poco dopo le prime fiamme.

I poliziotti del commissariato di Monza, in seguito agli accertamenti dei vigili del fuoco, intervenuti in via Carlo Porta con tre mezzi nella notte di mercoledì per domare l'incendio divampato all'interno della pizzeria Dida, hanno indagato in stato di libertà il gestore del locale, un quarantenne egiziano. 

Incendio in pizzeria, ipotesi dolosa

L'allarme è scattato poco prima della una quando sono cominciate ad arrivare le prime segnalazioni al numero di emergenza. Per precauzione è stato fatto evacuare lo stabile situato sopra la pizzeria e i primi elementi utili alle indagini sono arrivati proprio dai residenti. Alcuni abitanti hanno affermato di aver visto un uomo allontanarsi dal locale poco prima che le fiamme si propagassero all'intera pizzeria. Qualcuno ha anche detto di essere sicuro di aver riconosciuto nel soggetto fuggito via a piedi tra i vicoli, il titolare del locale.

A confermare l'ipotesi dolosa sono stati anche i riscontri dei vigili del fuoco che hanno notato come all'interno del locale si siano sviluppati due distinti focolai, uno dietro il bancone e uno a ridosso del separè che distingue la zona cucina dall'area riservata ai tavoli. Nella pizzeria inoltre, tra gli arredi andati distrutti e i resti dell'incendio, i vigili del fuoco hanno rinvenuto anche una bottiglia di liquido infiammabile e un contenitore di “Diavolina”. Al momento dell'intervento dei soccorsi e dei vigili del fuoco inoltre la porta della pizzeria era aperta, con le chiavi ancora nella toppa. Dettaglio questo che ha subito portato gli investigatori a ipotizzare che a causare il rogo potesse essere stato qualcuno dall'interno.

Incendio in pizzeria, indagato il titolare

Il proprietario del locale ha raccontato agli agenti di aver affittato al gestore della pizzeria l'area circa un anno e mezzo fa ma da sei mesi, a causa del mancato pagamento dell'affitto, aveva avviato le procedure di sfratto. In via Carlo Porta nella tarda notte è arrivato anche il gestore della pizzeria Dida, un egiziano di 40 anni. L'uomo si è detto estraneo ai fatti, ha raccontato di essere coperto da regolare assicurazione e di non avere sospetti su nessuno. Quando i poliziotti gli hanno chiesto di consegnare le chiavi della pizzeria che aveva riferito di aver chiuso e di custodire sempre nel su portamonete, non è stato in grado di farlo. Il quarantenne al momento è indagato in stato di libertà per incendio doloso.

Incendio in pizzeria, i danni al locale

L'intero stabile sopra la pizzeria è stato fatto evacuare in via precauzionale e una trentina di residenti sono scesi in strada fino al termine delle operazioni di spegnimento. A causa dell'incendio il ristorante ha riportato danni agli arredi in prossimità del bancone e la distruzione di alcuni elettrodomestici. Le pareti interne del locale sono state annerite dalle fiamme ed è andato distrutto il separè situato tra la zona cucina e i tavoli cosi come il controsoffitto in legno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento