Incendio a Senago, l'appello del comune ai cittadini: "Tenete le finestre chiuse"

Dai rilievi dell'Arpa e dell'Ats Rhodense non sono emersi elementi di rischio per l'Ambiente e per la cittadinanza

L'incendio

Sono terminate le operazioni di spegnimento nell'area della ditta Galli Srl a Senago dove nella notte di venerdì, intorno alle 3.50, è divampato un incendio di vaste dimensioni che ha avvolto il deposito di stoccaggio dei rifiuti dell'azienda di via Costa che si occupa di smaltimento.

Guarda il video dell'incendio

Il rogo  ha  richiamato sul posto quattro squadre di vigili del fuoco che sono state impegnate fino alla mattina per estinguere le fiamme: a bruciare, secondo la prima ricostruzione, pare sia stata plastica e legno compattato pronto per il riciclo. L'incendio ha provocato un'alta nube visibile a chilometri di distanza e per gli accertamenti del caso, per scongiurare eventuali rischi per la cittadinanza, sul posto insieme ai pompieri, alla Polizia Locale e ai Carabinieri, è intervenuta l'Arpa che ha segnalato che non sussistono elementi di rischio per l'Ambiente.

Stesso parere anche da parte dell'Ats Rhodense - Dipartimento Prevenzione e Salute - (ASL) che ha confermato che non esistono rischi per la cittadinanza.

Il comune di Senago però ha rivolto un appello ai cittadini, allarmati dall'acre odore presente da questa notte nell'aria, raccomandando a coloro che abitano nel raggio di due chilometri dal luogo dell'incendio di tenere le finestre chiuse fino al rientro della nube e della criticità in corso.

Al momento i carabinieri della compagnia di Desio sono al lavoro per capire se il rogo possa avere o meno un'origine dolosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento