A piedi in autostrada dopo la discoteca: morto Johnny, travolto e ucciso da un'auto

Il dramma domenica notte sulla A4, all'altezza di Osio Sopra

La vittima

Era arrivato lì insieme ad alcuni amici, tutti partiti dalla zona nord di Milano. Tutti insieme avrebbero dovuto passare una serata di musica e festa. E, invece, in un attimo la gioia per una notte tutta da vivere si è trasformata un dramma finora inspiegabile. Perché uno di loro, ventuno anni, - perso di vista dai compagni - avrebbe scavalcato la recinzione del parcheggio del locale e sarebbe entrato a piedi in autostrada. Il resto, purtroppo, lo ha fatto un'auto che non è riuscita in nessun modo a evitarlo.

È morto così, a soli ventuno anni, Johnny Lacasella, il ragazzo di Sesto San Giovanni rimasto vittima domenica notte di un tragico incidente avvenuto sulla A4, tra i caselli di Capriate e Dalmine. Teatro della tragedia è stato il punto dell'autostrada che scorre all'esterno del "Bolgia", una discoteca di Osio Sopra, nel Bergamasco.

Lì, secondo quanto finora ricostruito dagli investigatori, Johnny era andato insieme ad altri ragazzi. Poi, verso l'1.30, per cause ancora da chiarire, il ventunenne si sarebbe allontanato dal parcheggio, avrebbe saltato una recinzione e sarebbe "atterrato" sulla A4. Dopo pochi secondi, una Mercedes guidata da un cinquantunenne lo ha centrato in pieno: Johnny è stato trascinato per una decina di metri, poi - così sembra dai primi rilievi - è stato investito anche da una seconda auto. I colpi, tremendi, non gli hanno lasciato scampo: nonostante l'intervento dei soccorritori, per il giovane non c'è stato nulla da fare. 

Quello che resta ora da chiarire è cosa sia accaduto nei momenti immediatamente precedenti alla morte del ventunenne. I carabinieri che indagano hanno già recuperato le immagini delle telecamere di sicurezza della discoteca: da quei frame, forse, potrebbero arrivare ulteriori dettagli sull'ultimo gesto di Johnny. Che quel gesto lo ha pagato con la vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

Torna su
MonzaToday è in caricamento