Travolge due pensionati e va a lavoro: 35enne denunciato per omissione di soccorso

Il conducente dopo lo schianto non ha soccorso la coppia

Immagine di repertorio

«Mi spiace, ho fretta, devo correre al lavoro». Con questa spiegazione un 35enne di Cesano Maderno non ha soccorso due pensionati con i quali aveva appena avuto un incidente ed è stato denunciato per omissione di soccorso.

L’incidente è avvenuto domenica mattina alle 7.40 in via Novara, angolo via Manin. Al volante di una Fiat Punto, il giovane si è scontrato ad alta velocità con una Fiat Panda sulla quale viaggiavano due pensionati di 68 e 65 anni, anche loro di Cesano. I due anziani hanno avuto la peggio: l’uomo ha riportato contusioni ed escoriazioni, la donna è rimasta prigioniera tra le lamiere dell’utilitaria. Spiazzante la reazione del 35enne, dipendente di un centro commerciale di Limbiate: «Non ho tempo per soccorrervi, devo correre al lavoro».

Con una simile giustificazione, il giovane si è allontanato dal luogo dell’incidente, scomparendo nel nulla. I due pensionati sono stati assistiti dai carabinieri e dai vigili del fuoco di Desio, che hanno tagliato le lamiere dell’auto per estrarre la 65enne, per fortuna rimasta illesa. Il marito ha avuto dieci giorni di prognosi al pronto soccorso dell’ospedale di Desio. Poi i militari sono andati a cercare il 35enne. Lo hanno trovato al lavoro, lo hanno portato in caserma a Cesano Maderno e lo hanno denunciato per omissione di soccorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento