menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fabiola Trenzani, 24 anni (Foto da Facebook)

Fabiola Trenzani, 24 anni (Foto da Facebook)

Arrestato per omicidio stradale il conducente della Cadillac: l'uomo era ubriaco

Nel tragico sinistro nella notte di domenica a Barlassina ha perso la vita Fabiola Trenzani, 24 anni. Al momento il 30enne è in ospedale in stato d'arresto

Stava tornando a casa Fabiola Trenzani, 24 anni, quando in via Montegrappa, a ridosso della strada nazionale dei Giovi domenica notte ha trovato la morte in un terribile incidente stradale che ha sbalzato la sua auto, una Fiat Panda, a 150 metri di distanza dal luogo dell'impatto.

Il suo corpo è rimasto incastrato nell'inferno di lamiere quando, poco dopo le 3.20, la sua utilitaria è stata centrata e scaraventata a bordo strada da una Cadilac nera condotta da un uomo di 30 anni, F.O., di Cesano Maderno, sorpreso ubriaco al volante. L'auto dell'uomo ha colpito la fiancata della Panda, sbucata da via Montegrappa, mentre a bordo della sua Cadillac procedeva nel tratto in direzione Lentate sul Seveso: in seguito all'urto l'utilitaria, forse ribaltandosi più volte, è finita in via Monte Santo a ridosso della strada Nazionale dei Giovi. Per Fabiola non c'è stato nulla da fare: la ragazza, 24 anni, è morta sul colpo a causa delle lesioni riportate nello schianto e il suo corpo è stato estratto dalle lamiere accartocciate dell'auto ormai irriconoscibile.

A chiedere aiuto ai soccorsi e a chiamare i carabinieri è stato il conducente della Cadilac che dai rilievi effettuati sul posto dalle forze dell'ordine è risultato positivo all'alcol test. Subito dopo l'accaduto, sono state effettuate due prove dell'etilometro: a un primo rilievo il 30enne è risultato avere un tasso alcolemico di 1,63 g/l mentre la seconda volta l'alcol che aveva in corpo sfiorava l'1,70 g/l, un dato ben tre volte oltre il limite consentito per mettersi al volante.

video-9

Per il trentenne, che ha riportato una frattura al polso e a una caviglia in seguito allo schianto, è scattato l'arresto per il reato di omicidio stradale con l'aggravante della guida in stato di ebrezza. Al momento il conducente è in stato d'arresto in ospedale a Desio dove è stato ricoverato in seguito all'incidente stradale e l'uomo rischia diversi anni di carcere. Sul corpo della giovane vittima è stata disposta l'autopsia e per la Procura del Tribunale di Monza sarà necessaria una perizia per accertare l'esatta dinamica dell'accaduto e ricostruire tutte le fasi del sinistro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento