Sara Panzeri è morta dopo il volo contro il guard rail

La 44enne di Brivio avrebbe perso la vita nell'impatto contro il guard rail dopo il volo dalla moto su cui viaggiava con il marito: a chiarire la dinamica dell'incidente la Polizia

Per lei i soccorsi sono stati inutili

Pietro De Angelis, ispettore capo della polizia locale di Lecco, smentisce che Sara Panzeri sia morta a causa di un pirata della strada.

Non sarebbe stato quindi un motociclista a travolgere la donna sulla SS 36, all’altezza dell’attraversamento di Lecco ma a spegnere la sua vita sarebbe stata una triste fatalità.

Secondo la ricostruzione della Polizia Stradale poco prima del tragico fatto ci sarebbe stato sul medesimo tratto un altro incidente in cui un motociclista avrebbe perso il controllo del mezzo su cui viaggiava e sarebbe caduto a terra, generando un blocco della circolazione nella galleria del tratto ma restando illeso.

Poco dopo invece sarebbe giunta la moto su cui Sara viaggiava con il marito: l’uomo avrebbe perso il controllo del mezzo perché le ruote non trovano aderenza al suolo, la moto gli sarebbe sfuggita e Sara ha fatto un volo terminato sul guard rail dove, per l’impatto, avrebbe perso la vita.

La morte di Sara Panzeri si rivela così una tragica fatalità, senza responsabilità di altre persone che, quel tratto di strada lo avevano percorso tempo prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

  • Incidente a Monza, scontro tra auto e ambulanza diretta al San Gerardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento