Incidente con un camion in A1 mentre viaggia per lavoro: Stefano muore a 24 anni

Nel tragico incidente avvenuto vicino ad Arezzo, in Toscana, ha perso la vita il 24enne Stefano Zanelli, cresciuto ad Agrate Brianza e residente a Grondone di Ferriere, nel Piacentino

Stefano Zanelli

Volontario instancabile, sempre al servizio degli altri. Venerdì mattina però ad aver bisogno dell'intervento dei soccorsi è stato lui. E purtroppo ogni tentativo di salvargli la vita è stato inutile. 

Stefano Zanelli, 24 anni, residente a Grondone di Ferriere, nel Piacentino ma cresciuto ad Agrate, in Brianza, ha perso tragicamente la vita in un incidente stradale lungo l’autostrada A1, tra Monte San Savino e Arezzo, in Toscana. Il giovane si stava spostando in trasferta per lavoro nella mattinata del 31 luglio con un furgone lungo l’autostrada quando, per cause ancora da chiarire, si è verificato uno scontro con un camion e altri mezzi intorno alle 11.30. L’impatto tra il suo furgone e il mezzo pesante è stato tremendo: sul posto sono subito intervenuti gli agenti della Polizia stradale, il 118 del capoluogo aretino, i vigili del fuoco di Arezzo e personale di Autostrade per l'Italia. Il ragazzo era in viaggio per conto di una ditta di Bobbio per cui lavora quando è rimasto vittima dell’incidente. Le condizioni del 24enne sono parse subito gravi ai sanitari, tanto da suggerire lo spostamento all’ospedale San Donato di Arezzo in elisoccorso. Dopo alcuni tentativi di soccorso il giovane è purtroppo deceduto.

Stefano Zanelli lascia i genitori Sandro e Maristella, il fratello Andrea con la cognata Ilenia e gli adorati nipoti Ginevra e Federico e la fidanzata Martina. In Alta Valnure era conosciuto – oltre che per il carattere aperto, disponibile e mite - soprattutto per il suo impegno nel volontariato. Anche questo fine settimana aveva dato il suo assenso per coprire i turni della Pubblica Assistenza locale, impegno che portava avanti con molta passione insieme al padre Sandro. In assenza di numerosi volontari, Stefano si rendeva disponibile a coprire diversi turni, donando buona parte del suo tempo libero per gli altri. "Prestava servizio principalmente nella sua amata Ferriere – lo ricorda così la Pa Valnure - e spesso anche nella sede di Pontedellolio. Ancora increduli, non abbiamo parole per descrivere questo momento. Il nostro pensiero e la nostra vicinanza vanno al padre e a tutta la sua famiglia".

Originario del ferrierese, il 24enne era cresciuto ad Agrate Brianza (Monza) insieme alla famiglia. Terminati gli studi, aveva scelto di tornare a vivere in montagna – dove già trascorreva ogni momento libero - nel territorio dei suoi nonni. Una scelta in controtendenza, ma convinta. Stabilitosi a Grondone di Ferriere, aveva svolto alcuni mestieri, prima di iniziare a lavorare per un’azienda di Bobbio, impegno che spesso prevedeva trasferte dalla Valtrebbia fino al centro Italia. Proprio in una di queste trasferte, di ritorno da Roma, ha perso la vita in un fatale incidente, lasciando nello sconforto la famiglia, gli amici e la comunità ferrierese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento