menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Investe un uomo poi scappa, incastrato grazie alle telecamere: denunciato 84enne

Un automobilista fuggito dopo aver tamponato un pedone è stato individuato e denunciato grazie al sistema di varchi di lettura targhe installati in città

E’ fuggito via dopo aver investito un uomo con la sua auto ma è stato individuato e denunciato grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in città. I fatti si sono verificati tra le giornate del 4 e del 5 dicembre. Alle ore 9.15 dello scorso venerdì B.T., 57 anni, residente nel Comune di Seveso, stava camminando a piedi lungo il controviale di Corso Guglielmo Marconi, in direzione dell’intersezione con Via Sant’Anna, quando improvvisamente è stato colpito a un fianco da un’autovettura, il cui conducente, invece di fermarsi, si è allontanato. Il pedone, caduto a terra e ferito, è stato soccorso da un’ambulanza della Sezione di Cesano Maderno della Croce Bianca Milano, giunta sul posto assieme a una pattuglia della Polizia Locale, che ha effettuato i rilievi.

L’uomo è stato quindi trasportato al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Desio, dove gli è stata riscontrata la frattura scomposta di una gamba. Grazie a un testimone, riuscito a distinguere parzialmente il numero della targa dell’autovettura allontanatasi dal luogo del sinistro, gli agenti della Polizia Locale sono arrivati all’identificazione del veicolo, una Opel Corsa, e del proprietario (poi rivelatosi essere anche il conducente), C.A., 84 anni, residente nel Comune di Lentate sul Seveso, dopo aver incrociato i dati estratti dal portale della Motorizzazione Civile con quelli registrati dal sistema di varchi di lettura targhe. Con la collaborazione dei Carabinieri della Stazione di Seveso nella mattinata di sabato scorso si è proceduto a ritirare la patente a C.A. e alla denuncia nei suoi confronti per fuga su incidente con feriti e omissione di soccorso su incidente con feriti.

“Quanto accaduto lo scorso fine settimana – commenta il sindaco Luca Allievi - è la prova sul campo che il sistema dei varchi e di videosorveglianza fortemente voluto dalla mia Amministrazione funziona e inizia a far vedere i suoi benefici per la popolazione. Avere un territorio videosorvegliato è una opportunità per tutte le persone oneste e aiuta le Forze dell’Ordine a svolgere più efficacemente il loro lavoro. Entro la fine del mandato amministrativo il primo lotto di investimenti sarà rafforzato con l’introduzione di altri dispositivi di controllo in altri punti strategici della città, per rendere l’azione di controllo e prevenzione ancora più mirata ed efficiente. Infine, desidero ringraziare gli agenti della Polizia Locale, i Carabinieri e tutti coloro che hanno contribuito a individuare il responsabile dell’incidente e a soccorrere la vittima, al quale auguro di guarire presto e bene”.

“Il mio primo pensiero va al nostro concittadino ferito. A lui rivolgo i migliori auguri di pronta guarigione – dichiara il vicesindaco e assessore alla Sicurezza, David Galli - Ringrazio il Corpo di Polizia Locale di Seveso che, in poche ore, usando il nuovo sistema di videosorveglianza e controllo varchi, ha rintracciato l'automobilista coinvolto nell'incidente. Questo fatto testimonia quanto sia importante investire in sicurezza e risponde alle perplessità espresse da alcuni esponenti dell'opposizione che avevano criticato il progetto, avviato nel 2018, pochi giorni dopo l'insediamento dell'attuale Amministrazione. In questi primi 2 anni di governo abbiamo stanziato fondi propri e partecipato a bandi regionali per finanziare progetti di messa in sicurezza della città, tra i quali anche il sistema integrato di videosorveglianza. Il drammatico episodio di venerdì scorso conferma che la scelta dell'Amministrazione Allievi di investire in sicurezza è corretta e va ulteriormente sviluppata. In assenza del sistema di controllo del territorio non sarebbe stato possibile ricostruire la dinamica dell'incidente e identificare il responsabile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento