rotate-mobile
Incidenti stradali

Ecco chi é Tommaso, il monzese morto nello schianto sulla A26

L'uomo, 37 anni, era il social media manager della Caritas Milano. Il ricordo

Il suo merito più grande è stato uno: dare "visibilità agli invisibili". Così, con questo riconoscimento, la Caritas ambrosiana di Milano ha voluto dire addio a Tommaso Corradini, il 37enne di Monza che ha perso la vita lunedì mattina nel tragico incidente che si è verificato sulla A26 e che ha coinvolto quattro camion e una quarantina di veicoli. Nello schianto - avvenuto nel tratto tra Casale Monferrato Sud e il bivio con la A21 Torino-Piacenza Brescia, nel comune di Mirabello Monferrato - è morto anche Pietro Puricelli, 71 anni di Groppello Cairoli, in provincia di Pavia, che viaggiava insieme a Corradini. L'auto dei due, stando a quanto ricostruito finora, è rimasta incastrata tra due tir e per loro non c'è stato nulla da fare. 

La notizia della morte del 37enne è rimbalzata dal Piemonte alla Brianza fino a Milano, dove Tommaso lavorava per la Caritas. Proprio l'ente meneghino, martedì, ha voluto dedicargli un ricordo commosso: "Ieri Tommaso, il nostro social media manager, è morto in un incidente stradale. Oggi vogliamo ricordarlo solare e pieno di vita dedicandogli una preghiera speciale. Con il suo impegno ha dato visibilità agli invisibili. Era la mente dei nostri tweet. Grazie #TommasoCorradini", le parole della Caritas di Milano. 

I rilievi per ricostruire le cause dell'incidente, avvenuto in una mattinata di nebbia intensa, sono stati effettuati dalla polizia. Oltre dieci persone sono state trasportate in ospedale: due in codice giallo, le altre in codice verde per ferite più lievi. 

Il ricordo della Caritas italiana

caritas tommaso corradini-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco chi é Tommaso, il monzese morto nello schianto sulla A26

MonzaToday è in caricamento