Ubriaco investe una bimba fuori dall'oratorio poi va via: rintracciato e denunciato

E' successo a Monza domenica pomeriggio. Il 27enne alla guida della Fiat Punto era clandestino e guidava con un tasso alcolemico pari a 1,45 g/l

Il luogo del sinistro (Daniele Bennati/MonzaToday)

Ha investito una bambina di nove anni fuori dall'oratorio a San Rocco, a Monza, mentre guidava ubriaco e poi si è allontanato, senza aspettare l'arrivo degli agenti della polizia locale che poco dopo, grazie a una fotografia scattata sul luogo del sinistro, lo hanno raggiunto e sottoposto al test dell'etilometro.

E' successo tutto nel pomeriggio di domenica, poco prima delle 17. La bambina, di appena nove anni, è stata investita mentre stava attraversando sulle strisce pedonali con la bicicletta al seguito insieme a un'amica della mamma che dopo un pomerigio trascorso all'oratorio la stava riaccompagnando a casa.

Mentre la donna e la piccola erano in mezzo alla strada però è giunta da via Sant'Alessandro una Fiat Punto che, nonostante una lunga frenata, non è riuscita a evitare l'impatto ed è finita contro la ruota anteriore della bicicletta della piccola. Per fortuna il velocipede ha evitato che l'auto potesse travolgere la bambina che, a parte lo spavento, non ha riportato nessuna ferita o grave conseguenza in seguito al sinistro.

Dopo essere sceso dal veicolo il conducente si è assicurato delle condizioni della piccola e poi si è allontanato nonostante i numerosi testimoni che avevano assistito alla scena lo avessero invitato a restare sul luogo del sinistro. La piccola non ha dovuto far ricorso alle cure mediche e non è stata accompagnata in ospedale ma riaffidata ai genitori, residenti poco distanti.

Una volta sul luogo dell'incidente la polizia locale ha ascoltato i testimoni che hanno riferito di aver visto il conducente ubriaco. Grazie a una fotografia scattata poco prima in cui si vedeva chiaramente la targa del veicolo, gli agenti sono riusciti a risalire al proprietario del mezzo, un cittadino colombiano residente in zona Buonarroti. Una volta a casa dell'uomo però il personale del comando di via Marsala ha scoperto che la vettura era stata prestata a un connazionale del proprietario ospitato dall'uomo, un ragazzo di 27 anni, anche lui colombiano, in Italia senza permesso di soggiorno. Il giovane, che in quel momento si era messo a letto a dormire, è stato svegliato e condotto in comando per essere sottoposto al test dell'etilometro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante il ragazzo avesse detto di non aver bevuto alcol prima dell'incidente l'etilometro ha riscontrato nel sangue un tasso pari a 1,45 g/l. Per il ragazzo è scattata quindi una doppia denuncia per guida in stato di ebbrezza e perchè irregolare in Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento