Fuga e inseguimento sulla Milano-Meda, spacciatore arrestato dopo 40 chilometri

In tasca l'uomo aveva alcune dosi di droga e mille euro in contanti

Foto repertorio

Un inseguimento lungo quaranta chilometri poi l'arresto. E’ accaduto venerdì sera attorno alle 20, all’imbocco della Milano-Meda. I carabinieri di Seregno hanno incrociato una Opel Astra guidata un 37enne, di origini marocchine, domiciliato a Meda. 

Il 37enne, già condannato per detenzione e spaccio di stupefacenti e in prova ai servizi sociali, in quel momento era evaso dal luogo dove avrebbe dovuto scontare la pena. E i militari, che lo conoscevano bene, lo hanno subito riconosciuto.

Alla vista dell’auto dei carabinieri, l’uomo si è dato alla fuga. L’inseguimento da Meda è proseguito fino a Rovellasca, lungo la Pedemontana. La corsa è finita a Seveso, dove la vettura è andata a sbattere contro una barriera di cemento, sempre all’uscita della Milano Meda. 

Per niente scoraggiato, il 37enne ha proseguito la sua fuga a piedi, tra la boscaglia, ma è stato raggiunto e arrestato per evasione, detenzione e spaccio di stupefacenti, guida pericolosa e resistenza e violenza. E’ stato fermato dai carabinieri di Seregno e dagli agenti della polizia stradale di Busto Arsizio. Nel corso della collutazione con i militari, ha morso una mano a uno dei carabinieri. In tasca aveva quattro dosi di hashish e mille euro in contanti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare i pesciolini argentati dalle nostre case

  • Paura al mercato di Macherio, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Litiga con la fidanzata poi cerca di farla finita: 37enne salvato a Monza

  • Perde il controllo dell'auto in Valassina, si schianta contro il guard rail e si ribalta

  • Omicidio a Cernusco, uomo ucciso nei box del condominio: freddato in auto a colpi di pistola

  • Alle porte della Brianza apre un nuovo supermercato

Torna su
MonzaToday è in caricamento