"Spero che la giustizia non prenda in giro Elio", dopo la tragedia parla papà Corrado

Corrado Bonavita dopo la morte di Elio nel tragico schianto ogni giorno passa ore in ospedale accanto a sua moglie Nunzia, con il figlio sulla Citroen che è stata travolta in viale Brianza: "L'avvocato me l'ha già detto. Nessuno dei due automobilisti farà un giorno di galera"

Il giorno dei funerali di Elio a Villasanta c'erano 4mila persone

Elio è morto domenica 22 marzo e l'auto che si è scontrata con la Citroen C1 su cui viaggiava insieme alla mamma Nunzia ha spezzato la sua vita e i suoi sogni e insieme ha distrutto una famiglia.

Da quel giorno il papà di Elio, Corrado Bonavita, cerca un perchè e lotta per riportare sua moglie a casa, passando ore al Niguarda dove la donna si trova ancora ricoverata in gravi condizioni.

Dopo alcune settimane dalla tragedia Corrado ha parlato e ha espresso i suoi sentimenti e le sue speranze in un'intervista ad Andrea Galli sul Corriere della Sera.

"Ti dico questo: spero che la giustizia non prenda in giro Elio. Che non lo offenda" ha dichiarato al Corriere. "Voglio creare una Fondazione sulla sicurezza stradale. Con Nunzia. Ma più avanti. Adesso la riporterò a casa: sono al mondo per questo motivo".

Corrado ha raccontato al quotidiano come da quando i sogni di felicità della sua famiglia sono stati infranti viva al Niguarda, accanto a sua moglie che finalmente è uscita dal coma ma deve ancora affrontare lunghe operazioni chirurgiche. Il papà di Elio aspetta solo di riportarla a casa, accanto all'altro figlio della coppia, Simone.

Quella mattina del 22 marzo lui era fuori casa senza cellulare quando Nunzia ed Elio si stavano dirigendo al campo della Dominante, dell'incidente ha saputo ore dopo, passando da viale Brianza per andare a riprendere il figlio al campo dal momento che la donna non rispondeva al cellulare: lì ha visto la Citroen C1 nera. 

"L’avvocato me l’ha già detto. Nessuno dei due automobilisti farà un giorno di galera" - aggiunge Corrado Bonavita - "Hanno preso multe per poche centinaia di euro. Le patenti sono state ritirate ma tanto le riavranno a breve". 

In occasione dei funerali di Elio, papà Corrado, provato dal dolore, davanti a 4mila persone aveva fatto questa promessa a suo figlio: "Una sola promessa possiamo farti io, la mamma e Simone: ogni giorno della nostra vita ti penseremo con la consapevolezza di averti qui vicino. Ci manchi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento