"iPhone 11 a 700 euro", ma erano falsi e non si accendevano neanche: due denunce

È successo a Desio, nei guai due commercianti di 42 anni residenti a Napoli

Avere l’iphone 11, il nuovo gioiello di casa Apple, a 700 euro? Si poteva. Al “supermarket” parallelo di due 42enni residenti a Napoli, si potevano anche trovare profumi di grande marca. C’era solo un problema: il telefono, che all’esterno appariva uno smagliante Iphone, non era nemmeno in grado di accendersi. E i profumi erano falsi. In fase di verifica anche una partita di mille euro di Gratta e Vinci.

I due sono stati denunciati per tentata truffa dai carabinieri di Desio. Mercoledì sera in via Italia a Muggiò un commerciante ha segnalato la loro presenza alle forze dell’ordine, dopo che uno dei due aveva tentato di “piazzare” uno degli Iphone falsi. Tre i commercianti e i privati che i 42enni hanno avvicinato: ma in nessun caso ce l’hanno fatta a vendere i telefoni falsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari sono arrivati sul posto: dopo aver perquisito i due impostori, hanno sequestrato la merce, che custodivano su una Toyota Yaris grigia. Nelle scorse settimane i due erano stati segnalati a Udine: anche lì avevano tentato di vendere smartphone contraffatti, con scarsi risultati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Ombrelli sopra il centro di Monza, ecco perchè la città si è coperta di verde

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento