rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
la storia

Il sogno di Julio è diventato realtà: il monzese vola alla Naba

La mamma aveva lanciato una raccolta fondi per pagare un tutor

Poco più di un mese di vacanza e poi per Julio, 19enne monzese, inizierà una nuova e attesa avventura: varcherà (come studente) la porta della Naba, Nuova accademia di belle arti di Milano. Non solo perché ha superato brillantemente la maturità e ancora prima aveva superato a pieni voti i test di ammissione dove i professori della Naba sono rimasti positivamente colpiti dalla sua preparazione e dalla sua inclinazione al bello e all'arte. Ma anche (e soprattutto) perché finalmente è stato individuato quel tutor che lo affiancherà durante le lezioni.

L'appello della mamma

Alcuni mesi fa MonzaToday aveva raccolto l'appello di Helga, la mamma di Julio, insegnante in una scuola media di Monza. Il suo ragazzo, una spiccata passione per la scuola e per l'arte, dopo la maturità voleva proseguire gli studi e iscriversi alla Naba prestigioso istituto riconosciuto dal Miur dove ogni anno accedono pochissime matricole. Superati brillantemente i test di ingresso, però, c'era un altro problema: gli insegnanti avevano riconosciuto il talento e le capacità di Julio, ma per i suoi limiti sensoriali era necessario che venisse assistito da un tutor (andava bene anche un parente o un educatore). Julio, infatti, è invalido al 100%, è nato con serie disabilità sensoriali: una vista ridotta a un decimo, e problemi di udito e nel corso della sua breve vita è già stato sottoposto a 13 interventi chirurgici. Ma, anche grazie alla tenacia della sua mamma, non si è mai arreso e adesso finalmente può realizzare il suo sogno. 

Maturità superata brillantemente

“Non è stato facile - spiega la madre -. Infatti il tutor sarà completamente a nostro carico. Julio è invalido, il servizio sociale invalidi dimette il ragazzo perché l’Università non è prevista in un sistema in cui chi è invalido possa usufruire della Legge 68. È stata aperta una raccolta fondi che è ancora attiva e mi auguro le persone rispondano positivamente". Trovare un tutor che potesse accompagnare Julio al Naba in via Darwin a Milano tutti i giorni è stata un'impresa. Ma Helga non si è mai scoraggiata: non si è mai arresa di fronte a quelle diagnosi di medici, psicologici e assistenti sociali. "Julio ha sempre combattuto e ancora oggi combatte contro chi non crede in lui - prosegue -. Ci avevano consigliato di ritirarlo dalla scuola e di fargli ripetere la quinta superiore perché era entrato in un periodo di grande emotività, ma ci siamo opposti. Ha sostenuto brillantemente scritti e orali e anche il presidente esterno è rimasto a bocca aperta ascoltando la sua tesina".

Che cosa chiede Julio 

Certo Julio è un ragazzo speciale: un ragazzo dotato di una spiccata sensibilità, che ben conosce (e viene ferito) dalle battute e dalle risate anche alle sue spalle di chi lo vede come una persona diversa. "Ma non reagisce mai con rabbia - prosegue -. Torna a casa e si immerge nei libri, nella sua adorata lettura. È un ragazzo straordinario, pieno di interessi, e soprattutto che ama stare con i suoi coetanei. E che con i suoi racconti e la sua conoscenza riesce a conquistare la loro attenzione anche su temi culturali e storici che spiegati dagli insegnanti risultano pesanti e noiosi". Un orgoglio per mamma Helga che è pronta a qualsiasi sacrificio economico per poter aiutare il suo Julio a realizzare il suo sogno.  Un sogno che è non solo quello di poter entrare nel mondo della moda, ma soprattutto quello di poter essere trattato alla pari. E in questo Julio ce la sta facendo. "A breve partirà per una vacanza in Spagna da solo con gli amici - ha concluso -. E dopo la maturità la gioia più grande è stato quando, proprio come i suoi compagni di classe, ha festeggiato stappando una bottiglia di spumante in strada. Al suo tutor non sono state chieste competenze nel mondo dell'arte e della moda, ma la capacità di trattare Julio alla pari e di entrare in empatia con lui". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sogno di Julio è diventato realtà: il monzese vola alla Naba

MonzaToday è in caricamento