Il furto in villa / Barlassina / Via Giuseppe Parini

Furto in villa in Brianza, ladri si calano dal tetto e tentano di aggredire il figlio in casa

Attimi di paura nell'abitazione quando i ladri si sono accorti che al piano di sotto c'era qualcuno. Il figlio del proprietario si era barricato in camera e con un piede di porco hanno tentato di sfondare la porta: "Mi avrebbero massacrato di botte"

Ladri scatenati a Barlassina. Un altro furto in un'abitazione brianzola, nella stessa via dove lunedì i topi d'appartamento hanno colpito in pieno giorno, derubando il pensionato Claudio Trenta.

Questa volta purtroppo in casa c'era qualcuno e sono stati attimi di paura. L'irruzione nell'abitazione, una villa in via Parini, è avvenuta al calar della sera, nel buio delle 19.30 di martedì sera, 17 ottobre. I ladri si sono introdotti dal tetto e hanno sfondato il vetro di una finestra velux al piano superiore, forse utilizzando una scaletta. Una volta dentro hanno iniziato cercare e hanno messo a soqquadro le stanze. Nell'abitazione però c'era qualcuno: il figlio del proprietario che, sentiti i rumori e dopo aver capito di essere in compagnia dei ladri in casa, si è barricato in una stanza. E qui sarebbero venuti a cercarlo. 

"Hanno iniziato a sbattere contro la porta con un piede di porco, cercando di sfondarla. Mi avrebbero rimepito di botte" racconta. Attimi di terrore in cui il giovane ha temuto per la sua incolumità. "Hanno smesso solo quando a un certo punto ho urlato, facendo credere di essere armato e di avere con me una pistola e di essere pronto a sparare". A quel punto i due si sarebbero allontanati, scappando via senza fare in tempo a portare con sé tutto il bottino. E anche il ragazzo poi è scappato via, da casa sua. 

"Quando si sono accorti che ero in casa, sono corsi giù. Non avevano solo l'intento di rubare, volevano anche farmi del male perchè non sono scappati via subito o non hanno solamente portato via quello che volevo rubare. Non si sono fermati finchè non ho detto - mentendo - di essere armato. Andrò a fare il porto d'armi ora" annuncia il ragazzo, spaventato e deciso a ottenere il permesso per la detenzione di un'arma. 

Ladri Barlassina, furto in villa

"Siamo assediati", tre furti in due giorni

A lanciare un appello è stato Claudio Trenta, il pensionato di Barlassina multato dal comune per aver riparato (a sue spese e in prima persona) una buca stradale che gestisce anche una pagina social dove racconta cosa avviene in città e raccoglie le segnalazioni dei cittadini. Anche lui vittima dei ladri lunedì mattina che, negli ultimi giorni, ha contato tre furti in paese. E ha deciso di rivolgere un appello alle forze dell'ordine: "Non sopportiamo più questa situazione. Non vogliamo che si ripeta lo scorso anno con 35 furti". E solo martedì l'ultimo episodio con il furto in villa. "Sono entrati dal tetto sul retro della casa probabilmente servendosi di una scaletta e dopo aver sfondato la finestra velux hanno fatto razzia nelle camere al piano superiore e al piano inferiore era presente il figlio che solo alla fine si è reso conto dei rumori. Messe a soqquadro le stanze della zona notte, asportati oggetti di valore". 

Continua a leggere su MonzaToday.it.....

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto in villa in Brianza, ladri si calano dal tetto e tentano di aggredire il figlio in casa
MonzaToday è in caricamento