rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca

Ricoverato in ospedale dopo un salto nel vuoto per sfuggire ai carabinieri, ladro "incastrato" dalle impronte digitali

Sul conto di un 35enne ucraino appena arrestato è emersa anche una condanna definitiva a un anno e un mese per falsa dichiarazione sull'identità

Dopo che i carabinieri avevano fermato la Bmw su cui viaggiava insieme a due complici dove aveva appena caricato la refurtiva di un furto di computer ai danni di una scuola di Bernareggio, aveva tentato di sfuggire alla cattura scappando e lanciandosi nel vuoto da un'altezza di circa sei metri. Ma il "volo" non gli era bastato a conquistarsi la libertà: fermato e arrestato era stato accompagnato all'ospedale San Gerardo di Monza dove era stato disposto il ricovero in attesa di un'operazione, piantonato dai carabinieri.

Mentre lui - cittadino ucraino 35enne - era immobilizzato a letto, le indagini dei carabinieri della compagnia di Monza non si sono fermate e, grazie a una comparazione delle sue impronte digitali con quelle della banca dati delle forze dell'ordine, è emerso che sul suo conto pendesse anche una condanna definitiva di un anno e un mese di reclusione per il reato di falsa dichiarazione sull'identità. 

Dopo l'operazione, il 35enne è stato dimesso e accompagnato in carcere a Monza dove sconterà la sua pena e dovrà affrontare un nuovo processo per il furto di pc a scuola a Bernareggio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricoverato in ospedale dopo un salto nel vuoto per sfuggire ai carabinieri, ladro "incastrato" dalle impronte digitali

MonzaToday è in caricamento