Usa il lampeggiante della polizia per saltare la coda in auto: denunciato 34enne

L'uomo, venditore di auto in un autosalone di Varedo, usava il lampeggiante per aggirare il traffico e raggiungere in poco tempo il posto di lavoro

Foto da archivio

Per saltare l'interminabile coda che ogni mattina trovava davanti a sé in auto per andare al lavoro aveva escogitato uno stratagemma. Quando il traffico era consistente, posizionava sul tettuccio dell'abitacolo un lampeggiante blu di quelli in uso alle forze di polizia, lo accendeva e in un attimo si faceva largo tra le auto incolonnate. 

L'altro giorno però un uomo di 34 anni di Lissone mentre percorreva a Desio, a bordo della propria auto, via Maestri del Lavoro, ha trovato sulla sua strada i carabinieri. I militari lo hanno sorpreso una manciata di minuti prima delle 9 mentre superava sul lato destro della strada una colonna di veicoli fermi al semaforo rosso. L'uomo, sentendosi sicuro per via del lampeggiante blu che teneva azionato, ha anche superato la linea del semaforo rosso tra via Caravaggio e via Milano, immettendosi pericolosamente nel traffico diretto a Nova Milanese. 

Per il 34enne, venditore di auto impiegato in un autosalone di Varedo, è scattata una denuncia per possesso di segni distintivi contraffatti e ora dovrà anche pagare diverse sanzioni per le violazioni al codice della strada commesse che hanno portato anche al ritiro della patente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento