San Rocco, mai più cattivi odori e sprechi: via ai lavori al depuratore

Tra non più di un mese, come da cronoprogramma, partiranno i lavori al depuratore di San Rocco. La copertura delle vasche e il rinnovamento dei processi di ossidazione permetteranno di dire addio a due problemi storici

Via ai lavori entro metà dicembre

Due problemi risolti in un colpo solo. Due brutte pagine chiuse per sempre. Il tutto, con un risparmio di denaro non indifferente. E’ ormai tutto pronto per dare il via ai lavori che, nel giro di un paio di anni, doneranno al quartiere San Rocco, e alla città di Monza, il nuovo depuratore

“I cantieri per la ristrutturazione del depuratore prenderanno il via entro metà dicembre, nel  pieno rispetto del cronoprogramma”, hanno annunciato soddisfatti il presidente di BrianzAcque, Gianfranco Mariani, e l’amministratore delegate dell’azienda, Enrico Boerci. 

Il progetto è già pronto e approvato e prevede due interventi, che verranno eseguiti parallelamente. I tecnici, infatti, lavoreranno sulla copertura delle due vasche di sedimentazione primaria, eliminando così i cattivi odori che da tempo “tormentano” il quartiere, e interverranno sui processi di ossidazione, cuore del depuratore, per permettere alla struttura di ridurre i costi energetici e di rispettare i nuovi limiti allo scarico stabiliti dal regolamento di Regione Lombardia. 

Nel giro di due anni - queste le previsioni per i lavori - il depuratore di San Rocco dirà quindi addio ai cattivi odori e allo spreco. 

Rispetto al vecchio progetto “Master Plan”, definitivamente abbandonato “per sopraggiunti motivi di interesse pubblico”, il nuovo piano progettuale accorcia la tempistica e taglia i costi. Se i tempi per la realizzazione dei lavori scendono da dodici a due anni, sul fronte delle spese al posto dei sessantadue milioni del “Master Plan” ne occorreranno “soltanto” quindici. Finiti gli interventi, però, i risparmi continueranno, perché per gestire il depuratore serviranno due milioni e mezzo di euro all’anno rispetto ai dodici previsti dal “Master Plan”. 

I cantieri, informa BrianzAcque, interesseranno solo le strutture esistenti e saranno eseguiti con l’impianto in funzione, così da assicurare continuità al servizio di depurazione dei reflui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento