"Caro Babbo Natale", la lettera di una mamma per esaudire il sogno del suo bimbo malato

"Come regalo vorrei fargli incontrare i giocatori del Milan"

Immagine di repertorio

"Caro Babbo Natale..."

Inizia così la lettera scritta con il cuore da una mamma monzese per il suo bambino. Tra le righe però non c'è traccia della richiesta di giocattoli o di oggetti ma un sogno, forse l'ultimo, da esaudire per far sorridere Andrea che si trova in un letto di ospedale, malato, all'Hospice San Pietro di Monza. 

"Lo so che è un po' presto per mandare le letterine, ma la mia è una richiesta importante ed urgente. Il mio piccolo campione Andrea, chiamato così anche in onore di un grandissimo giocatore, Andrji Sheva, si trova ricoverato in un Hospice a Monza, e io come regalo vorrei fargli incontrare dei giocatori della nostra grande squadra (mia e di Andreino). So che a te niente è impossibile, sguinzaglia i tuoi elfi a caccia di Sheva, Massaro, Maldini, non tutti ovviamente. Ma almeno uno che ha fatto grande il Milan. Ce la puoi fare in tempi non tanto lunghi?" scrive con il cuore in mano la mamma di "Andreino", affidando il suo appello ai social.

La lettera di questa mamma e la sua accorata richiesta hanno subito commosso tantissimi monzesi e non solo che hanno condiviso la richiesta nella speranza che la voce arrivi al Milan e qualche giocatore riesca a regalare ad Andrea la gioia che merita.

Anche una mamma, convinta di poter aiutare la signora ha esaudire il desiderio per suo figlio, ha scritto alla nostra redazione, provando a mettersi in contatto con lei. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento