menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri sul posto (B&V Photographers)

I carabinieri sul posto (B&V Photographers)

Limbiate, spara al figlio davanti alla fidanzata: arrestato uomo di 66 anni, si cerca l'arma

L'uomo è stato arrestato nella serata di venerdì. I carabinieri stanno cercando la pistola

È stato arrestato dai carabinieri e ristretto nel carcere di San Vittore di Milano con l'accusa di lesioni personali aggravate il 66enne che nella tarda mattinata di venerdì 8 febbraio, a Limbiate, avrebbe sparato al figlio davanti alla sua fidanzata. Il 37enne, invece, è ricoverato all'ospedale San Gerardo di Monza, le sue condizioni sono stabili e non è in pericolo di vita. Non è ancora stata trovata, invece, l'arma che ha esploso il colpo: i carabinieri hanno setacciato fino a sera l'appartamento di via Turati dove è avvenuto il fatto, senza trovare nulla; secondo quanto trapelato si tratterebbe di una pistola e più precisamente di un revolver. L'arma non sarebbe stata detenuta regolarmente.

Video | Spara al figlio davanti alla fidanzata

La lite e lo sparo

Tutto è accaduto intorno alle 12.30 di venerdì 8 febbraio all'interno del loro appartamento di via Turati a Limbiate. Lo sparo — secondo quanto ricostruito dagli investigatori — sarebbe partito al culmine di una lite per ragioni economiche tra padre e figlio, entrambi pregiudicati; discussione avvenuta davanti alla fidanzata del 37enne. Quando il diverbio ha raggiunto l'apice il 66enne avrebbe esploso un colpo di pistola che ha trafitto la coscia sinistra del 37enne, successivamente il figlio si sarebbe trascinato fino in strada dove il litigio tra i due è continuato.

Sono subito scattati i soccorsi: sul posto è intervenuta un'ambulanza del 118 e l'elisoccorso, il 37enne è stato accompagnato in codice rosso al pronto soccorso del San Gerardo di Monza, come riferito dall'azienda regionale di emergenza urgenza. In ospedale, sotto shock, anche la fidanzata 34enne.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Desio, la scientifica e il nucleo investigativo di Monza che hanno effettuato i rilievi e avviato le indagini. Il 66enne è stato subito fermato e accompagnato in caserma e nella serata di venerdì è stato arrestato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nasce la "Compostela di Lombardia": i cammini da fare in Brianza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento