Calci, pugni e sberle tra minorenni e insulti alla polizia: "zuffa" per amore in corso Milano

Le botte fuori dal fast food a pochi passi dalla stazione: la vittima, 14 anni, è stata costretta a nascondersi nel bagno per sfuggire alla furia della rivale. Coppietta denunciata

Calci, pugni, schiaffi, insulti e sberle fuori dal fast food per un ragazzo. Due minorenni domenica sera a Monza sono venute alle mani per una "faccenda di cuore" che, presto, si è trasformata in uno spettacolo di violenza culminato con un'aggressione e insulti anche alla polizia di Stato intervenuta per riportare la situazione alla calma.

Tutto è iniziato quando intorno alle 19 alla centrale operativa del commissariato è arrivata una richiesta di intervento da corso Milano dove una quattordicenne era stata picchiata e aggredita da una coetanea e si era rifugiata nel bagno del Mc Donald's per sfuggire alla furia della rivale gelosa. Quando i poliziotti sono arrivati sul posto hanno trovato la ragazza con le braccia e il volto graffiati e i lividi addosso: insieme a lei c'era suo padre che, nel frattempo, l'aveva raggiunta. I poliziotti hanno ascoltato la testimonianza della ragazza e hanno ricostruito l'accaduto anche attraverso il racconto dei numerosi ragazzi che fuori dal fast food avevano assistito alla scena. A scatenare l'ira della rivale secono la vittima erano stati alcuni messaggi che la quattordicenne, M.V., residente a Muggiò, aveva scambiato con un sedicenne di Sovico, S.D., con cui un tempo aveva fatto coppia e ora era il fidanzato di una 16enne di Cologno Monzese, U.G., che non ha esitato a venire alla mani per "difendere" quanto credeva suo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' bastato dunque un messaggino di troppo sul cellulare per far esplodere la gelosia: la sedicenne ha prima preso per i capelli la rivale e le ha sbattuto la faccia contro una vetrina e poi ha iniziato a riempirla di pugni, calci e spintoni senza smettere di colpirla con delle pedate alla nuca anche quando la vittima era a terra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Milano, va a trovare il papà in ospedale ma trova il letto vuoto: "Suo padre è morto da ieri"

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Maxi blitz della polizia ai giardinetti e un elicottero in volo sopra Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento