menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei locali per i quali sono scattati i sigilli

Uno dei locali per i quali sono scattati i sigilli

Il Questore fa chiudere otto locali: "ritrovo di pregiudicati e teatro di liti e spaccio"

A Milano e provincia

Erano "luoghi di ritrovo di numerose persone pregiudicate" e teatro di liti ed episodi di spaccio e per questo il Questore di Milano, Marcello Cardona, ne ha disposto la chiusura temporanea.

I sigilli sono scattati per otto locali tra la città di Milano e la provincia a seguito di alcuni controlli mirati. Le disposizioni sono arrivate dopo le verifiche della divisione amministrativa e sociale della Questura, che hanno permesso di accertare alcune irregolarità che hanno giustificato le sospensioni delle licenze.

 “I ripetuti controlli effettuati da parte delle forze dell’ordine - spiegano da via Fatebenefratelli in una nota - hanno permesso di accertare che nella maggior parte dei casi i locali sono stati luoghi di ritrovo di numerose persone pregiudicate”.  Le stesse persone, chiarisce la Questura, erano “coinvolte in attività illecite di vario tipo, soprattutto in materia di spaccio di sostanze stupefacenti”. Ma non solo. Perché i locali per cui sono scattate le chiusure sono stati “spesso teatro di liti recando disturbo ai cittadini residenti”.

I sigilli, comunque tutti momentanei, sono scattati per otto locali, uno dei quali situato alle porte di Monza. Si tratta del “Queen pub” di Sesto San Giovanni - che dovrà restare chiuso per sette giorni -, teatro più volte di risse all’esterno e all’interno del locale. Per il pub la saracinesca si è abbassata mercoledì. 

Il primo a chiudere - e non è la prima volta che accade - è stato il “Lyon's bar” di via dei Mille 10 a Buccinasco. La sospensione della licenza, proposta dai carabinieri locali, è scattata il 2 marzo con una durata di sette giorni per - spiegano dalla Questura - la “presenza di pregiudicati nel locale”. Stessa sorte è toccata al bar “Come stai” di via Fratelli Antona Traversi 20, che è stato chiuso per sette giorni - a partire dal 4 marzo - per, chiariscono da via Fatebenefratelli - “la continua presenza di personaggi pericolosi”. 

A Milano poi sonno stati chiusi altri cinque locali per le lamentele dei residenti o perchè spesso teatro di violente aggressioni e liti. Leggi quali locali sono stati chiusi a Milano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

L'Iss elenca uno a uno tutti gli errori della Lombardia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento