rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
la storia / Varedo

Lucia e i suoi ragazzi: un'estate in strada ad aiutare le famiglie brianzole sfrattate

"In Brianza c'è un'impennata di sfratti. Tanta gente è rimasta senza casa, e non ha i soldi per fare la spesa": la denuncia della fondatrice dell'associazione Angeli della Strada

Lucia e i suoi ragazzi non si fermano mai. Nelle ultime settimane il loro lavoro è aumentato. O meglio il grido d'allarme che ricevono dalle famiglie di Monza e Brianza che si trovano in difficoltà. Così che Lucia Troilo e i ragazzi dell'associazione Angeli della strada in queste calde giornate estive sono diventati l'ancora di salvezza di tante famiglie che si ritrovano a non avere più un tetto sopra la testa. Ma neanche qualche centinaio di euro in tasca per pagare la manodopera per svuotare casa, o portare il materiale in discarica. In questa settimana Lucia e i suoi ragazzi è il terzo trasloco che, gratuitamente, eseguono. L'ultimo proprio questa mattina: una donna che era stata sfrattata alcuni mesi fa e alla quale è stato assegnato un appartamento dell'Aler, ha però dovuto chiedere aiuto ai volontari degli Angeli della Strada per sgomberare il ballatoio pieno di suppellettili, riportando così ordine e decoro. Da sola non sarebbe riuscita, nè aveva la disponibilità economica di pagare gli operai. 

Allarme sfratti

Lucia Troilo lancia un grido d'allarme: "Aiutateci ad aiutare". Una richiesta che arriva da una donna che ha vissuto sulla sua pelle il dramma della strada. Lucia a causa di un matrimonio violento si è trovata dall'oggi al domani senza un tetto sulla testa, allontanata dai sui figli, per quattro anni a combattere per la vita sotto i ponti di Milano. Una grande tenacia e forza di volontà l'hanno portata a non arrendersi: la sera andava a fare le pulizie nelle palestre e negli uffici e stipendio dopo stipendio è riuscita a prendere in affitto un appartamento e a ricominciare una vita. A quel punto la decisione di dedicare la sua nuova esistenza, non solo ai suoi amati figli, ma anche a tutti quegli ultimi che in strada aveva conosciuto. Da qui l'idea di fondare l'associazione Angeli della strada che, anche attraverso attività di traslochi e svuota cantine, offre un lavoro onesto a chi sta attraversando un momento di difficoltà, e raccoglie fondi per donare pacchi alimentari alle famiglie che non riescono a mettere insieme il pranzo con la cena. 

"Non chiudete gli occhi"

"Noi non ce la facciamo più - racconta a MonzaToday -. Istituzioni e persone non possono chiudere gli occhi di fronte a questa emergenza. Anche qui nella ricca Brianza ci sono famiglie che non riescono a stare a galla. Ci sono madri sole, persone disabili o in difficoltà che non riescono a pagare l'affitto o la rata del mutuo e che proprio in queste settimane si ritrovano in mezzo alla strada. Gente che mi chiede aiuto per fare un trasloco, per recuperare quelle poche suppellettili che hanno. Ci sono persone che devono lasciare la casa vuota e non hanno modo di andare in discarica a buttare gli arredi perché non ha i soldi per pagare il personale. Non possiamo dimenticarci di loro, le istituzioni devono intervenire".

Emergenza alimentare

Nel frattempo c'è anche l'emergenza alimentare. "Ad agosto alcune associazioni caritative chiuderanno per ferie, ma la gente continua ad avere fame - aggiunge -. Noi abbiamo famiglie che hanno bisogno di tutto: pasta, riso, latte, olio, scatolame, prodotti per la prima colazione, prodotti per l'igiene, per la casa, per i bambini. Gente che ha il frigo vuoto e non sa come riempirlo". In questa prima settimana di agosto Lucia e il suo team saranno impegnati in raccolte alimentari straordinarie, proprio per garantire cibo e vicinanza a chi purtroppo rimarrà in città. 

Per aiutare gli Angeli della strada con donazioni, punti Esselunga, carte Eurospin pagate e alimenti può consultare la pagina Faceboook dell'associazione dove ci sono orari e indirizzi per la consegna degli aiuti nella sede di Varedo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lucia e i suoi ragazzi: un'estate in strada ad aiutare le famiglie brianzole sfrattate

MonzaToday è in caricamento