Minacce per la droga non pagata: la mamma scopre tutto e fa arrestare i pusher

Un 17enne era divenuto vittima delle minacce di una coppia con cui aveva un debito di 350 euro per della marijuana acquistata e non pagata: la madre lo ha portato a sporgere denuncia e si sono attivati i carabinieri

Aveva acquistato della droga ma non l'aveva pagata e il debito era cresciuto insieme all'insistenza dei pusher per riavere i soldi.

Ruolo da protagonista in una storia di spaccio ed estorsione a Desio l'ha avuto una mamma attenta che, accortasi che il figlio subiva minacce e pressioni da sconosciuti, si è fatta raccontare tutto e lo ha accompagnato al comando dei carabinieri consentendo ai militari di rintracciare e arrestare i responsabili.

Una coppia di ragazzi conviventi a Cesano Maderno, C. J. 24enne e il suo compagno, C.A. 30 anni, avevano venduto in più occasioni della marijuana a un 17enne residente a Desio: il minorenne aveva accumulato con gli spacciatori un debito che era arrivato a raggiungere 350 euro.

Per riavere il proprio denaro i due ragazzi avevano iniziato a minacciare verbalmente e attraverso sms sul cellulare il loro cliente nel tentativo di fissare al più presto un incontro per pareggiare i conti. 

Ad accorgersi che qualche cosa preoccupava il figlio è stata la madre del minore che ha intercettato e scoperto i messaggi e si è fatta raccontare tutto l'accaduto. Insieme a lei il 17enne si è presentato al comando dei carabinieri di Desio sporgendo denuncia contro la coppia.

Le forze dell'ordine hanno studiato un piano e si sono presentate nel luogo e all'ora dell'appuntamento concordato con i due pusher insieme al minorenne.

Mercoledì pomeriggio il ragazzo ha atteso all'appuntamento i creditori ed è stato raggiunto a piedi dalla ragazza. Quando è avvenuto l'effettivo scambio di denaro i militari sono entrati in azione bloccando la donna. 

A poca distanza da loro però c'era anche il 30enne che aspettava in posizione defilata: quando C. A. ha capito che le cose si stavano mettendo male ha tentato la fuga. E' salito a bordo della sua Mini One e ha premuto sull'acceleratore cercando anche di investire i carabinieri.

La 24enne è stata arrestata per estorsione in concorso e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente invece il 30enne è ricercato dalle forze dell'ordine e dovrà rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante la perquisizione domiciliare i carabinieri nell'appartamento dei due ragazzi hanno trovato 1050 euro in contanti, 20 grammi di marijuana e tutto il kit del perfetto spacciatore per confezionare la droga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento