Cronaca Via Giuseppe Verdi

Mangia la coca per non farsela sequestrare: pusher si sente male mentre viene arrestato

È successo nel pomeriggio di lunedì davanti al cimitero di Giussano

Immagine repertorio

Due arresti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, poco meno di dieci grammi di coca e 1.200 euro sequestrati e un pusher in ospedale perché aveva ingerito della cocaina per non farsela sequestrare dalle forze dell'ordine. È successo nel pomeriggio di lunedì 25 febbraio davanti al cimitero di via Verdi di Giussano, nei guai due marocchini un 40enne e un 20enne.

Il blitz dei carabinieri della stazione di Giussano, come riferito dai militari del comando provinciale di Milano, è scattato intorno alle 17. I militari hanno aspettato che un acquirente acquistasse la "bianca", poi sono intervenuti. Ed è proprio in questo frangente che il 40enne avrebbe ingoiato tutta la coca che aveva con sé. 

Si è sentito male subito dopo: ha perso conoscenza ed è stato trasportato in codice giallo al pronto soccorso di Desio. Fortunatamente si è ristabilito poche ore dopo e il giorno successivo è stato dimesso e ristretto nel carcere di Monza, insieme al pusher 20enne. Il cliente, italiano, è stato segnalato alla prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mangia la coca per non farsela sequestrare: pusher si sente male mentre viene arrestato

MonzaToday è in caricamento