menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasporta materiale edile abusivo da smaltire: una denuncia a Monza

L'uomo, un egiziano, lavorava in nero per una ditta milanese per contro della quale si occupava di smaltire il materiale edile

Era assunto (in nero) e pagato sessanta euro al giorno per andare a ritirare da due cantieri monzesi i materiali edili di scarto e smaltirli. Dove e con che modalità però resta ancora da chiarire.

Martedì pomeriggio a Monza in viale Lombardia all'altezza di via Risorgimento una pattuglia della polizia locale impegnata in un controllo ha fermato un autocarro Nissan sul quale erano trasportati materiali edili pericolosi, compresi cavi, macerie, travi e fusti. Il conducente, un 52enne egiziano, ha spiegato agli agenti di aver ritirato il carico per smaltirlo per conto della ditta milanese per cui era assunto senza nemmeno un regolare contratto. All'uomo però mancava la documentazione prevista per legge con l'autorizzazione per lo smaltimento dei rifiuti e le indicazioni relative alla provenienza e alla destinazione del materiale. Così inevitabile si è insinuato il dubbio che l'uomo provvedesse allo smaltimento in maniera abusiva e sono scattati i controlli

Nei guai per la mancata assunzione nei termini di legge è finito il titolare dell'azienda milanese e insieme a lui, per trasporto non autorizzato e smaltimento abusivo di rifiuti pericolosi, è stato denunciato anche il 54enne egiziano. L'autocarro e il materiale edile sul carico sono stati sottoposti a sequestro. 

Proseguono da parte della polizia locale gli accertamenti per verificare se i titolari dei cantieri che pagavano il servizio di smaltimento alla ditta milanese fossero a conoscenza delle modalità con cui questa operava.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento