Intesa su assistenza ed integrazione scolastica degli studenti con disabilità

MB la prima Provincia lombarda a regolamentare i servizi per l’anno scolastico 2013/2014

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Monza, 6 giugno 2013. Un’intesa per promuovere il “sistema integrato di coordinamento”  di attività e servizi in materia di assistenza ed integrazione scolastica per gli studenti con disabilità: questo l’obiettivo del protocollo siglato oggi presso la sede della Provincia dal Presidente Dario Allevi e dai rappresentanti dell’ASL MB, dell’ Ufficio Scolastico Territoriale e degli Ambiti di Desio, Seregno, Monza, Carate e Vimercate.

Cosa fa la Provincia: l’accordo – il primo in Lombardia – partirà con l’anno scolastico 2013-14 ed è basato sulla collaborazione interistituzionale, riconoscendo alla Provincia la titolarità ed il finanziamento dei servizi di assistenza alla comunicazione alle persone con disabilità sensoriale – DS, di assistenza all’alunno con disabilità frequentante le scuole secondarie di secondo grado o percorsi di istruzione e formazione – AES e di trasporto degli alunni con disabilità frequentanti scuole secondarie di secondo grado o percorsi di istruzione e formazione – STAD.

“Con questo accordo poniamo fine ad una querelle durata troppo a lungo e generata da una confusione di ruoli mai risolta – spiega il Presidente Dario Allevi - La risposta che mettiamo in campo fa perno su un sistema efficiente di collaborazione già ben avviato in Brianza, che potrebbe costituire un benchmark di riferimento anche per altri territori lombardi che si trovano in situazioni analoghe alla nostra”.

Cosa fanno i partner firmatari dell’accordo: gli Uffici di Piano, costituiscono il punto di riferimento per l’interlocuzione con i Comuni e le altre organizzazioni del proprio Ambito, l’ASL garantisce il raccordo tra gli aspetti sociali e sociosanitari mentre l’UST si occupa del raccordo tra gli aspetti sociali e quelli scolastici, anche attraverso la partecipazione di rappresentanti al Gruppo di lavoro interistituzionale provinciale per l’Handicap.

Il budget: per questi servizi la Provincia riconoscerà a ciascun Ambito un quota annuale di 10.000 euro quale compartecipazione agli oneri ed ai costi, da aggiungere ai budget definiti per ciascuno dei servizi DS e AES, che ammontano a 6000 euro, quale contributo individuale per i destinatari. Per il servizio STADT la Provincia rimborserà la spesa sostenuta dai Comuni o dai soggetti terzi sulla base del costo standard definito da Regione Lombardia.

L’impegno complessivo della Provincia per tutti i servizi correlati è di oltre 3.200.000 euro, destinati all’assistenza di 430 ragazzi con disabilità.

“Con il Protocollo firmato oggi continua e si completa l'azione di collaborazione con i cinque  Ambiti Territoriali della Provincia per l'erogazione degli interventi  di competenza provinciale, a favore di tutti gli studenti disabili – ha aggiunto l’Assessore all’Istruzione e Politiche Sociali Giuliana Colombo - La serietà  e l'efficacia con la quale in passato sono state effettuate le attività a favore degli studenti con disabilità sensoriale troveranno ulteriore spazio per altri ragazzi e famiglie, con quella professionalità ed impegno che contraddistinguono gli operatori del nostro territorio".

Il monitoraggio: un tavolo territoriale composto dai firmatari del protocollo  si occuperà di rendicontare ogni trimestre l’attività svolta, con l’obiettivo di verificare gli accordi operativi, di organizzare indagini di soddisfazione/gradimento indirizzate a scuole, famiglie e stakeholder e di predisporre un report al termine dell’anno scolastico.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento