"Spero gli extracomunitari stuprino tua figlia", frase choc contro consigliera del Pd a Monza

"Andrò a sporgere denuncia" ha annunciato la consigliera Francesca Pontani che subito dopo l'episodio si è sfogata sui social, raccontando quanto accaduto

"Spero che gli extracomunitari vengano a casa sua, stuprino sua figlia e dopo sparino addosso a lei". Questa la frase choc che a Monza, durante un pomeriggio di volantinaggio elettorale si è sentita rivolgere Francesca Pontani, consigliera del Partito Democratico a Monza.

A raccontare il triste episodio è stata la stessa consigliera che, attonita per le frasi che le erano state rivolte, si è sfogata anche sui social dove ha chiarito le circostanze dell'accaduto. "Stavo volantinando in centro a Monza in maniera tranquilla. Come ogni volta c'era qualcuno che accettava il volantino, altri rifiutavano e qualcuno che invece si fermava a parlare" ha ricordato la consigliera Pd intervistata da Monzatoday. "Quel pomeriggio c'era un po' di tensione forse anche per l'arrivo del corteo dei centri sociali. A un certo punto è arrivato un uomo di mezza età, una persona apparentemente tranquilla, come poteva essere mio marito e ha iniziato ad attaccare me e il Pd sulla questione dell'accoglienza e sugli extracomunitari". Le parole dell'uomo, frase dopo frase, si sono poi fatte sempre più pesanti fino a sfociare in velate minacce.

"Ha iniziato a urlare e a dire frasi tremende tanto che, per avere un testimone, gliele ho fatte ripetere tre volte per far sentire anche ai miei compagni di gazebo" racconta Francesca Pontani. "Io penso, come donna e come mamma che la politica non può arrivare a questi livelli e sfociare in violenza verbale a sfondo sessista" ha commentato la consigliera che ha annunciato che si presenterà dalle forze dell'ordine a sporgere denuncia. "E' stato un attacco alle donne. Sporgerò denuncia proprio per le mie figlie, per far capire loro che queste cose vanno combattute e risolte restando sempre all'interno delle istituzioni".

"In tanti anni di politica e di gazebo un episodio del genere non mi è mai capitato: purtroppo la politica a Monza si sta alzando di tono e la campagna elettorale invece dovrebbe concentrarsi sui contenuti".

Dopo l'accaduto sono stati tantissimi i messaggi di solidarietà e vicinanza espressi, anche sui social, a sostegno della consigliera. "Ringrazio tutti e tutte per la solidarietà che mi state dimostrando da tutta Italia e credo che tutti insieme con la passione e la serietà che ci caratterizza potremo, alla fine, riuscire a dare una svolta a questa deriva violenta e riportare la politica sui contenuti e sulle idee" ha concluso Francesca Pontani. 

"Solidarietà a Francesca Pontani per questo ennesimo inaccettabile episodio di maschilismo e odio gratuito. Nessuno può permettersi di minacciare simili violenze. Alimentare un clima che avalli questi comportamenti è quanto di più distruttivo e deleterio per il futuro" ha commentato Alberto Maria Pilotto, segretario cittadino del Partito Democratico di Monza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento