Minaccia di farla finita con un messaggio, salvato dalla sorella e dai carabinieri

Un 50enne ha minacciato di togliersi la vita con un messaggio alla sorella che ha evitato il peggio allertando subito i militari dell'Arma

Immagine di repertorio

Un messaggio drammatico, con l'intenzione di farla finita: una 55enne residente a Varedo, nella serata di lunedì 21 luglio, ha salvato la vita al fratello con l'aiuto dei carabinieri.

Quando ha ricevuto il messaggio sul suo telefonino, la donna si è subito allarmata: il fratello, 50enne della provincia di Como, soffre di problemi psichici. E quella minaccia non doveva essere sottovalutata. Si è così recata alla stazione dei carabinieri di Varedo, in via Scarlatti, e ha lanciato l'allarme. I militari hanno subito allertato i colleghi della stazione più vicina alla casa dell'uomo, mentre il maresciallo lo contattava dal telefono della sorella per tranquillizzarlo e per dissuaderlo dal suo intento. Quando i carabinieri sono entrati in casa, il 50enne aveva già ingerito due flaconcini di farmaci. Trasportato all'Ospedale di Lecco, non è in pericolo di vita.

Dove e come chiedere aiuto

Parlare di suicidio non è semplice. Se stai vivendo una situazione di emergenza puoi chiamare il 112. Se sei in pericolo o conosci qualcuno che lo sia puoi chiamare il Telefono Amico al numero 199 284 284 oppure online, dalle 10 alle 24. Altrimenti puoi rivolgerti a Samaritans Onlus al numero verde gratuito 800 86 00 22 da telefono fisso o al numero 06 77208977

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento