Cronaca San Donato / Viale delle Industrie

Si ferma a fare pipì a bordo strada: minacciato col coltello da un trans

L'aggressione è avvenuta su viale delle Industrie, da sempre frequentata da prostitute e transessuali. Il trans è stato anche denunciato per essere scappato e per aver minacciato e offeso i poliziotti che erano intervenuti

Si era fermato a bordo strada, su una delle strade “simbolo” della prostituzione, perché preso da un’impellente esigenza fisiologica. Ma proprio mentre stava per scendere dalla sua auto, davanti a lui si è parato il suo aggressore. 

Poco dopo le tre della notte tra giovedì e venerdì, la polizia di Monza ha arrestato un quarantenne transessuale brasiliano, già noto alle forze dell’ordine, colpevole di aver aggredito e minacciato un uomo con un coltello. 

Secondo quanto raccontato dalla stessa vittima agli agenti, l’uomo ha accostato la sua auto su viale delle Industrie - all’altezza del distributore di benzina Q8 - per fare pipì. Sceso dall’auto, però, è stato minacciato dal trans, che gli ha puntato contro un coltello. 

L’uomo è riuscito a prendere le chiavi dell’auto e il cellulare e, dopo essersi allontanato a piedi, ha dato l’allarme. Gli agenti hanno trovato il trans ad alcune centinaia di metri di distanza dal luogo dell’aggressione, mentre cercava di scappare in direzione Villasanta. 

Alla vista dei poliziotti, il quarantenne - che è sieropositivo - ha iniziato a sputare contro gli agenti, offendendoli ed insultandoli. Un comportamento, questo, andato avanti anche durante la notte, che il brasiliano ha trascorso nelle celle del commissariato di viale Romagna prima del trasferimento in carcere a Monza. 

Per lui le accuse sono di tentata rapina, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Accuse che ha già ricevuto almeno tre volte soltanto a Monza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si ferma a fare pipì a bordo strada: minacciato col coltello da un trans

MonzaToday è in caricamento