Dopo Monza, un piano antismog anche in tutti i comuni della Brianza

L'impegno dell'Assemblea dei Sindaci per adottare le misure contro l'inquinamento atmosferico previste da Regione Lombardia

Non solo Monza e Cesano Maderno in prima linea contro lo smog in Brianza. Durante l'assemblea dei sindaci che si è svolta martedì presso la sede provinciale di Monza all'ordine del giorno c'era anche la possibile adozione in Brianza delle misure previste nel “Protocollo per l'attuazione delle misure temporanee da assumersi a livello locale in caso di perduranti fenomeni di superamento del limite giornaliero delle polveri sottili (PM10)” approvato con delibera di Giunta regionale n. 5656 del 3 ottobre 2016.

L’impegno condiviso dai primi cittadini brianzoli è stato quello di promuovere tra i Comuni della Brianza l’adozione del protocollo, che è già stato adottato ufficialmente dal capoluogo di Monza e dal Comune di Cesano Maderno.

Le misure temporanee contro lo smog previste dal Protocollo sono attivabili al superamento continuativo per almeno sette giorni delle concentrazioni rispettivamente di 50 e 70 microgrammi/mc di PM10. Per attuare il protocollo i Sindaci emetteranno apposite ordinanze che prevedono, fino al 15 aprile 2017 misure distinte a seconda di due diversi livelli di emergenza.

LEGGI QUI LE MISURE E I DIVIETI 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento